Il rischio di bancarotta di un broker

Il rischio di bancarotta di un broker

0/5 Star rating
Principiante
Tempo di lettura: 4 minuti
Scritto da: Harry Atkins
Giugno 9, 2020
Update: Luglio 26, 2020

I broker costituiscono una parte cruciale del mercato di titoli. Danno a milioni di investitori accesso all’enorme potenziale di profitto delle azioni. Nonostante ciò, cosa succede se il tuo broker dichiara bancarotta? Questa guida spiega meglio la probabilità che ciò accada e cosa fare in caso di bancarotta.

I. I broker possono andare in bancarotta?

Il mercato azionario è uno dei più liquidi disponibili. Nel mercato azionario vengono scambiati miliardi di dollari ogni giorno. Per questo, potresti credere che i broker non possano mai andare in bancarotta. Nonostante ciò, è importante capire che anche i broker possono fallire. Basta guardare alla recessione globale del 2008 per avere un lungo elenco di esempi.

Fortunatamente, molte giurisdizioni dispongono di normative che proteggono gli asset degli investitori se un broker chiude tramite segregazione dei conti dei clienti. Questi conti assicurano che se un broker dovesse chiudere, gli unici asset che evaporerebbero sarebbero quelli appartenenti al broker e ai suoi dirigenti. L’obiettivo delle normative è quello di garantire che i trader non perdano fiducia nel mercato a causa di operazioni commerciali gestite male. Queste norme consentono ai broker di subire le conseguenze di un fallimento aziendale “senza versare sangue di innocenti”.

II. Si può perdere denaro e asset se il broker chiude?

La maggior parte delle nazioni e giurisdizioni dispongono di misure per ridurre le probabilità che gli investitori perdano il loro denaro in caso di insolvenza di un broker. Nonostante ciò, queste misure garantiscono solo asset persi a seguito di bancarotta, non perdite indotte dal mercato.

  • Agenzie di protezione degli investitori: gli investitori negli Stati Uniti possono contare sulla Securities Investor Protection Corporation (SIPC) per proteggere i loro asset e il loro denaro. La SIPC è l’equivalente della Federal Deposit Insurance Corporation (FDIC). La SIPC è un’agenzia governativa statunitense che compensa i clienti in caso di fallimento di un broker. Il processo di compensazione prevede la nomina di un fiduciario che supervisiona l’intera attività. Nonostante ciò, la SIPC copre solo fino a $500.000. Pertanto, potresti voler ottenere di più dal broker nel caso in cui il conto valga di più. Alcuni broker si rivolgono a ditte private per ottenere un’assicurazione aggiuntiva. In Canada, il Canada Investor Protection Fund (CIPF) offre una protezione simile alla SIPC negli Stati Uniti.
  • Autorità di regolamentazione: le agenzie di protezione offrono un solo livello di sicurezza per gli investitori. Altre misure di sicurezza includono autorità di regolamentazione che sovrintendono al settore per prevenire frodi ed eventi che potrebbero portare gli investitori a perdere il loro denaro. Ad esempio, il Canada dispone dell’Investment Industry Regulatory Association of Canada (IIROC) che regola la condotta e le operazioni commerciali dei broker. Negli Stati Uniti, la Securities and Exchange Commission (SEC) assicura che i broker separino chiaramente asset dei clienti e asset societari. La SEC promulga disposizioni che vietano ai broker di accedere ai conti dei clienti per qualsiasi motivo.

III. Cosa succede se il broker chiude?

Quando un broker fallisce, possono verificarsi due scenari. Nel primo scenario, la SIPC negli Stati Uniti nomina un fiduciario che sovrintende al risarcimento degli investitori. Questo risarcimento spesso avviene sotto forma di contanti, dove gli investitori ricevono l’equivalente in contanti del valore del loro conto. In particolare, l’agenzia compensa solo fino a $500.000. Se dopo la liquidazione il broker non riesce a raccogliere abbastanza denaro per il risarcimento, la SIPC può intervenire per colmare la lacuna.

Il secondo scenario prevede il trasferimento dei conti ad un altro broker. Dopo la nomina di un fiduciario, la SPIC effettua una verifica approfondita dei conti del broker. Se tutto va a buon fine, l’agenzia può avviare piani per il trasferimento degli investimenti a un altro broker. Una volta completato il trasferimento, gli investitori sono liberi di cercare nuovi broker.

Durante questo processo, gli investitori devono rimanere aggiornati sugli sviluppi. Ad esempio, la SIPC potrebbe chiedere a tutti gli investitori di presentare una richiesta di indennizzo o di trasferimento del conto. Il mancato rispetto di una determinata scadenza può comportare delle perdite.

Corsi correlati

Investire nel mercato azionario è uno dei modi migliori per guadagnare e far aumentare la propria ricchezza. L’investimento in azioni può servire come un affidabile flusso di reddito passivo che protegge il capitale dall’inflazione. Inoltre, molte aziende condividono con gli investitori una parte dei loro profitti sotto forma di dividendi…
Lo spread betting finanziari sono una forma di investimento che consiste nel scommettere sul movimento dei mercati finanziari globali. In altre parole, è il trading sui mercati, piuttosto che il trading nei mercati. In termini molto generali, lo spread betting fa una previsione sul movimento del mercato, sia verso l’alto…
Quali azioni acquistare Trovare le azioni giuste in cui investire non è un’impresa facile. Anche se alcuni potrebbero dire che le azioni blue-chip sono la scommessa migliore, non si può mai essere troppo sicuri. Anche le aziende più forti, come Coca Cola e Apple, sono ancora vulnerabili a condizioni…