Come interpretare i grafici Forex

Come interpretare i grafici Forex

Conoscere le basi dell'utilizzo dei grafici per l'analisi tecnica
0/5 Star rating
Principiante
Tempo di lettura: 6 minuti
Scritto da: Harry Atkins
Giugno 9, 2020
Update: Gennaio 21, 2021

L’analisi dei grafici è la proiezione dei movimenti futuri dei prezzi attraverso l’analisi dei loro movimenti storici e dove possono essere presentati in vari modi.

I. Grafico a barre

Il grafico a barre, chiamato anche grafico occidentale, è una dimostrazione dell’andamento dei prezzi in cui per ogni periodo vengono registrati quelli più alti e più bassi, di apertura e di chiusura utilizzando le barre. I prezzi più alti e più bassi sono rappresentati dalle estremità della barra verticale, il prezzo di apertura è rappresentato da un trattino orizzontale a sinistra della barra verticale e il prezzo di chiusura è rappresentato da un trattino orizzontale a destra della barra verticale.

La singola barra dà un’indicazione del movimento del mercato per un determinato giorno, quando si parla di un grafico giornaliero. Ad esempio, le barre della Figura 1 mostrano che il prezzo di apertura del giorno 2 era superiore al prezzo di apertura del giorno 1, mentre il prezzo di chiusura del giorno 2 era inferiore a quello del giorno 1. Le barre indicano anche che il movimento del prezzo del giorno 1 era maggiore di quello del giorno 2. Inoltre, il prezzo è aumentato il giorno 1, mentre è sceso il giorno 2.

II. Candlestick

Il candlestick, chiamato anche candele giapponesi e ampiamente utilizzato in tutte le stanze di trading, utilizza una forma simile a quella di un fiammifero per rappresentare il movimento dei prezzi. Il candlestick rivela la differenza tra il prezzo di apertura e quello di chiusura di una giornata di trading utilizzando un rettangolo. Se questo rettangolo è tratteggiato (o colorato di verde), ciò indica che il prezzo di chiusura di un giorno di trading era superiore al prezzo di apertura. Se è vuoto (o colorato di rosso), il prezzo di chiusura di quel giorno era inferiore al prezzo di apertura.

La differenza tra il prezzo più basso e quello più alto in un determinato giorno di trading è rappresentata da una linea verticale che attraversa il grafico. La Figura 2 mostra le candele giapponesi per gli stessi movimenti di prezzo utilizzati nella Figura 1.

III. Grafico a linee

In un grafico a linee, i prezzi sono indicati come punti su un grafico. La frequenza con cui vengono registrati i prezzi dipende dal periodo totale presentato sul grafico. Ad esempio, se il grafico copre un periodo di diversi mesi, i prezzi di chiusura per tutti i giorni di trading sono inclusi. Tuttavia, se il grafico mostra l’andamento dei prezzi per un periodo di diversi anni, vengono mostrati solo i prezzi settimanali o anche solo i prezzi mensili. L’asse orizzontale di un grafico a linee rappresenta il tempo, mentre l’asse verticale mostra il prezzo.

Inoltre, i grafici settimanali e mensili comprimono l’azione dei prezzi per consentire un’analisi delle tendenze a lungo termine. Un grafico settimanale può andare indietro fino a cinque anni e un grafico mensile fino a 20 anni. Si tratta di una tecnica semplice che può aiutare a studiare i mercati da una prospettiva a più lungo raggio, molto preziosa che spesso si perde quando ci si affida esclusivamente ai grafici giornalieri.

Un grafico può diventare uno strumento estremamente utile nell’arte o nell’abilità delle previsioni di mercato una volta comprese le regole.

IV. Supporto e resistenza

Supporto e resistenza sono concetti fondamentali nell’analisi tecnica. Un livello di supporto è un prezzo inferiore al prezzo corrente che, in caso di movimento al ribasso, non si rompe facilmente. Un livello di resistenza è un prezzo superiore al prezzo corrente che, in caso di movimento verso l’alto, non si rompe facilmente.

I livelli di supporto e di resistenza sono determinati tracciando delle linee guida su un grafico dei prezzi. Una linea di supporto viene spesso tracciata collegando un certo numero di punti minimi precedenti (bassi) sul grafico dei prezzi. Sul grafico sottostante, la linea che attraversa i punti 1 e 2 funge da supporto.

Gli analisti tecnici suppongono che il prezzo nel movimento al ribasso che si è formato dopo il punto 2 continuerà a scendere fino a raggiungere il livello di supporto. Lo scenario più probabile è che, dopo aver raggiunto quel livello, il prezzo salirà di nuovo (ricorda una delle principali premesse è che la storia si ripete). Tuttavia, questo non è il caso presentato nel grafico qui sopra.

Spesso viene tracciata una linea di resistenza collegando una serie di punti precedenti sul grafico dei prezzi. Il grafico qui sopra presenta la linea di resistenza come la linea che attraversa i punti 3 e 4. I tecnici suppongono che il prezzo nel movimento verso l’alto dal punto più basso raggiunto prima del punto 3 continuerà a salire fino a raggiungere il livello di resistenza. Lo scenario più probabile è che, dopo aver raggiunto tale livello, il prezzo scenderà di nuovo .

V. Il supporto diventa resistenza

Un livello di supporto che viene rotto spesso diventa un livello di resistenza e viceversa. Il mercato lo prova con un movimento di pull back. Un “pull back” è una breve inversione di tendenza al rialzo ed è considerato un’opportunità di acquisto dopo un grande movimento al rialzo del prezzo. Un pull back è un test del mercato per vedere se c’è stato un valido breakout. Dopo aver superato un livello di supporto, il mercato mostra spesso un movimento al rialzo per verificare se il vecchio livello di supporto ora agisce come livello di resistenza. Se il prezzo non sale al di sopra di questo livello, ci si aspetta che il prezzo continui a scendere. Questo fenomeno è mostrato nel grafico qui sopra. La vecchia linea di supporto è ora vista come una resistenza.

Hai capito tutto? Fantastico! Allora sei sulla buona strada per diventare un investitore di forex. Se sei pronto per la prossima lezione di analisi tecnica, vai avanti cliccando qui. Non sei ancora pronto a procedere? Rileggi questa sezione e fai le dovute ricerche, in modo da comprendere appieno come il supporto, la resistenza e altri fattori di analisi tecnica possano giocare un ruolo nel successo del tuo investimento.

Corsi correlati

In un’intervista a Francesco Bianchi, professore di Economia presso le università Duke e Cornell, Invezz ha chiesto: “Cos’è l’allentamento quantitativo e come influisce sull’economia? Invezz: Spiegherebbe ai nostri lettori l’allentamento quantitativo nel modo più semplice possibile? Prof. Bianchi: In sostanza, l’allentamento quantitativo è una forma particolare di politica monetaria che…