Baby Doge

Cos’è Baby Doge?

Copy link to section

Una criptovaluta a immagine di Dogecoin e il suo uso principale è quello di una moneta che può essere scambiata online. Baby Doge è inteso come un meme in aiuto di una buona causa e una parte delle commissioni di ogni trade viene donata in beneficenza per aiutare i cani bisognosi.

Creata nel giugno 2021, Baby Doge è solo una delle numerose criptovalute create per scherzo. Il più famoso è il “father meme” di Baby Doge, Dogecoin, che è esploso nel mainstream dopo essere stato approvato dal CEO di Tesla Elon Musk.

Baby Doge mira a emulare il successo del padre introducendo più persone alla criptovaluta. Al momento, è una criptovaluta molto piccola disponibile solo in una manciata di posti. La road map a lungo termine traccia un percorso verso un’adozione molto più diffusa che include la creazione di un proprio mercato NFT per finanziare significative donazioni di beneficenza.

Come funziona Baby Doge?

Copy link to section

Come la maggior parte delle criptovalute, funziona memorizzando una cronologia di tutte le sue transazioni sulla blockchain. Una blockchain è come un registro pubblico che tiene traccia del movimento di denaro e non può essere modificato. Consente di decentralizzare la criptovaluta sostituendo la necessità di un’autorità centrale che deve controllare e approvare le transazioni.

Una delle caratteristiche principali della moneta è la sua elevata velocità di transazione. Laddove molte criptovalute sperimentano limitazioni per cui è possibile aggiungere solo una manciata di transazioni alla volta (e diventano più costose nei periodi di punta), Baby Doge utilizza la Binance Smart Chain, che è significativamente più veloce.

Un’altra caratteristica importante è la sua economia. Circa il 30% di ogni commissione di transazione viene bruciato, il che rende la moneta deflazionistica e significa che il suo valore dovrebbe aumentare nel tempo. Un altro 2% della fornitura totale è conservato in un portafoglio di beneficenza, che è il modo in cui finanzia le sue donazioni.


Fonti & Riferimenti
Avvertenza sui rischi