Disney taglierà 32mila posti di lavoro nella prima metà del 2021

Disney taglierà 32mila posti di lavoro nella prima metà del 2021
Scritto da:
Wajeeh Khan
Novembre 28, 2020
  • Disney afferma che taglierà 32mila posti di lavoro nella prima metà dell'anno fiscale 2021.
  • L'azienda americana aveva inizialmente pianificato di tagliare 28.000 posti di lavoro.
  • Disney ha pubblicato i risultati finanziari del Q4 all'inizio di novembre.

Mercoledì, in un annuncio, la Walt Disney Company (NYSE: DIS) ha affermato che ridurrà la sua forza lavoro di 32mila posti di lavoro mentre la crisi di COVID-19 in corso continua a devastare la sua attività. La società ha affermato che il licenziamento interesserà principalmente i lavoratori dei suoi parchi a tema, dove quest’anno il traffico pedonale è ai minimi storici.

Le azioni Disney sono attualmente a un rialzo di circa il 5% sul grafico settimanale. A 111,20 sterline per azione, la società americana è ora negoziata vicino allo stesso prezzo per azione a cui ha iniziato l’anno 2020. Il titolo era crollato fino a 64,28 sterline per azione a marzo quando le restrizioni contro il COVID-19 erano al massimo.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Disney aveva inizialmente pianificato di tagliare 28.000 posti di lavoro

In origine, Disney aveva annunciato a settembre che 28mila lavoratori sarebbero stati licenziati molto meno. Nella sua dichiarazione alla SEC (Securities and Exchange Commission) mercoledì, Disney ha affermato che l’annunciato taglio di posti di lavoro dovrebbe essere implementato il prossimo anno nel primo semestre fiscale.

Il conglomerato dei mass media e dell’intrattenimento è stato anche spinto a licenziare più lavoratori all’inizio di questo mese nel suo parco a tema con sede nella California meridionale poiché non era chiaro quando lo stato gli darà un segnale verde per riaprire i suoi parchi al pubblico.

Il virus ha finora infettato 13 milioni di persone negli Stati Uniti e causato oltre 250.000 morti. All’inizio di questa settimana, il CFO di Walt Disney Television e il presidente delle operazioni commerciali, Ravi Ahuja, ha dichiarato di aver deciso di lasciare l’azienda per una nuova avventura.

Al di fuori degli Stati Uniti, tuttavia, la Disney ha riaperto i suoi parchi all’inizio di quest’anno con politiche rigorose per combattere la pandemia di Coronavirus, compreso l’uso obbligatorio di maschere facciali, test e allontanamento sociale in generale. Negli Stati Uniti, i suoi parchi a tema in Florida erano tornati in attività solo con tali misure precauzionali.

Disney ha pubblicato i risultati finanziari del Q4 all’inizio di novembre

Verso la fine di ottobre, tuttavia, Disneyland a Parigi è stata nuovamente chiusa quando la Francia ha annunciato di nuovo un blocco a livello nazionale per combattere la seconda ondata di COVID-19. I parchi a tema Disney a Tokyo, Hong Kong e Shanghai sono ancora aperti al pubblico.

Disney ha pubblicato i suoi risultati finanziari nella seconda settimana di novembre che hanno evidenziato che la società con sede a Burbank ha registrato una perdita inferiore al previsto nel quarto trimestre fiscale nonostante le restrizioni contro il COVID-19.

Al momento, la Walt Disney Company ha una capitalizzazione di mercato di 199 miliardi di sterline.