I prezzi del palladio aumenteranno a breve e lungo termine

Scritto da: Faith Maina
Novembre 30, 2020
  • A parte ottobre, i prezzi del palladio sono aumentati vertiginosamente da giugno 2020.
  • Il PMI manifatturiero cinese è ai massimi di 3 anni.
  • Le vendite di auto in Cina sono aumentate costantemente.

I prezzi del palladio si sono conclusi a novembre ai massimi livelli. Mentre il metallo prezioso aveva preso una tendenza al ribasso in ottobre, è stato ampiamente in positivo da giugno 2020. Alle 12.08 GMT, il palladio era in ribasso dello 0,84% a 2404,53 dollari. Lo slancio al rialzo del metallo è dovuto alla ripresa dell’economia cinese e alle elevate vendite di auto.

Prezzi del palladio

La Cina registra un indice PMI manifatturiero su 3 anni

Il PMI manifatturiero cinese è salito ai massimi di 3 anni. Secondo i dati diffusi il 30 novembre dal China Logistics Information Center, il PMI è aumentato rispetto allo scorso mese di 51,4-52,1. La cifra è anche superiore al previsto 51,5. Inoltre, la lettura di novembre è la più alta da settembre 2017.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Il PMI manifatturiero è una misura dell’attività nell’industria manifatturiera di un Paese. I dati migliori delle attese della Cina indicano che la sua economia si sta riprendendo. Inoltre, la cifra denota un aumento della domanda di manufatti. Iris Pang, capo economista della Grande Cina presso ING Groep, ha dichiarato: “Il balzo è stato dovuto principalmente a nuovi ordini interni e a un aumento dei prezzi delle materie prime. Anche i nuovi ordini di esportazione sono aumentati, ma meno rispetto ai nuovi ordini nazionali”.

Un consiglio: cerchi un'app per investire oculatamente? Fai trading in tutta sicurezza iscrivendoti alla nostra preferita, eToro: visita e crea un account

La costante domanda di palladio sostiene lo slancio al rialzo dei prezzi

La Cina ha una delle più grandi industrie automobilistiche del mondo. Nel 2019, circa il 28% dei veicoli prodotti nel mondo proveniva da questo Paese asiatico. In particolare, il maggiore utilizzo del palladio è nell’industria automobilistica. Le case automobilistiche utilizzano questo metallo prezioso nel convertitore catalitico dei veicoli a benzina. In quanto tale, l’elevata domanda di automobili è un indicatore rialzista per gli investitori che cercano di scambiare palladio.

Anche le severe normative sulle emissioni emanate in vari paesi hanno contribuito all’impennata dei prezzi del palladio. Ad esempio, l’Europa è pronta ad adeguare gli attuali standard di emissione Euro 6 per normative Euro 7 ancora più severe. La Cina e gli Stati Uniti hanno anche promulgato leggi ferme per ridurre l’inquinamento causato dall’industria automobilistica.

I rialzisti puntano anche sull’uso continuato di auto con motore a combustione interna (ICE). Certo, l’industria dei veicoli elettrici (EV) è in forte espansione. Tuttavia, ci vorranno anni per eliminare completamente le automobili ICE.

Secondo le previsioni 2020 sui veicoli elettrici di BloombergNEF, i veicoli elettrici rappresenteranno circa il 10% delle nuove vendite di auto entro il 2025. 5 anni dopo, la quota dei veicoli elettrici sarà salita al 28%. L’analisi mostra che la domanda di veicoli ICE sarà ancora elevata nel prossimo decennio.

Il governo cinese è anche entusiasta di aumentare il consumo interno di automobili. La strategia sta tagliando i NEV e i veicoli a benzina. Per esempio, nel mese di ottobre, le vendite di auto in questo Regno di mezzo sono aumentati per il settimo mese consecutivo. Le vendite sono aumentate del 12,5% rispetto a un periodo simile nel 2019. Le principali case automobilistiche come Honda e Toyota hanno previsto un aumento dei loro profitti con l’aumento della domanda dei loro prodotti in Cina.