Prezzi della soia verso l’ipercomprato dopo aver raggiunto i massimi di 6 anni

By: Faith Maina
Faith Maina
Faith si sforza di scomporre gli sviluppi complessi in modo che gli investitori possano prendere decisioni più consapevoli. Quando… read more.
on Dic 22, 2020
  • Con un RSI di 78,24, i prezzi della soia si stanno dirigendo verso il territorio di ipercomprato.
  • I futures sulla soia sono quotati a 1.253$, il livello più alto da luglio 2014.
  • I suini in Cina e il clima rigido del Sud America hanno alimentato la crescita dei prezzi della soia.

I prezzi della soia sono diretti verso il territorio di ipercomprato. Con un RSI di 78,24, è probabile che i prezzi si ritirino mentre gli investitori in commodities prendono i loro profitti. I futures sulla soia sono aumentati dello 0,44% a 1.253$. Il livello dei prezzi è il più alto da luglio 2014 e lo slancio al rialzo è dovuto alle condizioni meteorologiche sfavorevoli in Sud America.

Prezzi della soia

Le condizioni meteorologiche avverse in Sud America influiscono sui prezzi della soia

Uno dei fattori che hanno contribuito alla tendenza al rialzo dei prezzi della soia sono le condizioni meteorologiche avverse in Sud America. Negli ultimi mesi, le aree di coltivazione della soia in Brasile e Argentina hanno lottato contro La Nina.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

All’inizio di dicembre, gli osservatori meteorologici nel mercato della soia speravano che la situazione sarebbe migliorata dopo che le piogge avrebbero colpito il suolo brasiliano. Tuttavia, la quantità registrata è inferiore al normale, con temperature che rimangono al di sopra del normale.

La maggior parte delle regioni del Brasile ha subito precipitazioni più abbondanti di circa il 20-50% del normale. In Argentina, gli agricoltori hanno continuato a lottare contro la siccità. Queste condizioni hanno accresciuto le preoccupazioni sull’offerta della commodity.

In merito alla questione, Al Kluis di Kluis Advisors ha dichiarato: “La settimana scorsa è stata un’altra settimana arida, in gran parte dell’Argentina. In Brasile è continuata l’ondata di piogge abbondanti. Attenzione alle condizioni dei raccolti in Argentina. Per la soia, le valutazioni sono per il 50% buone o eccellenti. Si tratta di un calo del 5% rispetto alla settimana scorsa e del 3% rispetto all’anno scorso”.

Nel rapporto WASDE di dicembre, il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ha ridotto di 1 milione di tonnellate la sua stima per la produzione di soia in Argentina. L’adeguamento è derivato da una riduzione della superficie raccolta.

L’allevamento di suini in Cina aumenta la domanda di soia

Oggi, un dirigente di COFCO, che è un trader di cereali in Cina, ha indicato che il Paese dovrebbe importare oltre 100 milioni di tonnellate di soia nell’anno in corso.

La crescente domanda per la merce è dovuta all’aumento del suo allevamento di suini. Il ministero dell’Agricoltura e degli affari rurali nazionale ha dichiarato che gli allevamenti di suini sono tornati a quasi il 90% dei livelli normali alla fine di novembre. I funzionari dell’agricoltura si aspettano una ripresa completa entro la prima metà del 2021. Poco più di un anno fa, l’allevamento di suini in Cina era diminuito del 40% a causa della peste suina.

I progressi nell’allevamento di suini in Cina hanno portato a una maggiore domanda di mangimi, un aspetto che si è tradotto in un aumento dei prezzi della soia.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro