Prezzo dell’oro: potenziale rialzo per l’indebolimento del dollaro USA

By: Faith Maina
Faith Maina
Faith si sforza di scomporre gli sviluppi complessi in modo che gli investitori possano prendere decisioni più consapevoli. Quando Faith non… read more.
on Mag 6, 2021
  • Il prezzo dell'oro ha recuperato le perdite di mercoledì, ma rimane al di sotto dei $1.800.
  • Il calo del dollaro USA ha agito da catalizzatore rialzista per il metallo prezioso.
  • Il mercato sta ancora digerendo le osservazioni di Yellen sulla necessità di aumentare i tassi di interesse.

Il prezzo dell’oro ha esteso i guadagni della sessione precedente scambiando a 1792,91, in aumento dello 0,33%. Mercoledì, aveva toccato un minimo infragiornaliero di 1770 prima di recuperare le perdite. Il metallo prezioso è in un range ristretto da tre settimane a causa di un sentimento di mercato positivo e di colloqui su una possibile reflazione.

Politica della Fed più rigida

La Federal Reserve ha mantenuto i tassi di interesse invariati vicino allo zero. La scorsa settimana, il presidente della banca centrale statunitense ha dichiarato che, sebbene l’economia si sia ripresa in modo significativo, è ancora incompleta e irregolare. Jerome Powell ha osservato che l’inflazione prevista sarebbe transitoria.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Tuttavia, le osservazioni del Segretario al Tesoro di martedì hanno ravvivato le preoccupazioni sull’inflazione. Janet Yellen, che una volta era la presidente della Fed, ha affermato che la banca centrale potrebbe dover iniziare ad aumentare i tassi di interesse per evitare il surriscaldamento dell’economia statunitense. Certo, ha chiarito che i suoi commenti non erano né una raccomandazione né un consiglio per la Fed. Sebbene non sia in grado di dirigere la banca centrale, la sua opinione è abbastanza potente da avere un impatto sul mercato. Una politica aggressiva sarebbe un catalizzatore ribassista per il prezzo dell’oro.

Indebolimento del dollaro USA

Il prezzo dell’oro ha una correlazione inversa con il valore del dollaro USA. In quanto tale, un dollaro debole crea un ambiente rialzista per il metallo prezioso. Giovedì, l’indice del dollaro è sceso dello 0,25% a $91,04. Questo è stato un calo dal suo massimo intraday di $91,38. L’indebolimento del biglietto verde arriva in un momento in cui la propensione al rischio sta migliorando. Successivamente, la domanda per la valuta come rifugio sicuro è diminuita. Inoltre, i rendimenti dei Treasury USA sono in calo. I rendimenti delle obbligazioni a 10 anni di riferimento sono scesi dello 0,33% a 1,56.

Prospettive tecniche del prezzo dell’oro

Il prezzo dell’oro è rimasto limitato da metà aprile. L’oro spot è stato scambiato in un range ristretto tra 01.763,07 e 1.799,66. Al momento, il prezzo era aumentato dello 0,33% a 1.792,91. Inoltre, su un grafico a tre ore, è al di sopra delle medie mobili esponenziali a 20 e 50 giorni.

Nell’ultimo mese, il prezzo dell’oro è aumentato di circa il 6,87%. Tuttavia, dopo il trading range bound per tre settimane, dovrà superare l’importante livello di resistenza di 1.800 per raccogliere abbastanza slancio rialzista.

Nel frattempo, mi aspetto che il metallo prezioso rimanga nella sua gamma attuale. Questa tesi sarà invalidata da uno spostamento al di sotto di 1.755.

Prezzi dell’oro
Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro