Previsioni DXY: indice del dollaro USA non è fuori pericolo

By: Crispus Nyaga
Crispus Nyaga
Crispus è un trader attivo, dove è seguito e copiato su Capital.com. Vive a Nairobi con sua moglie, suo… read more.
on Ott 21, 2021
  • L'indice del dollaro USA si è stabilizzato giovedì.
  • Dopo che gli Stati Uniti hanno rilasciato forti dati iniziali sulle richieste di disoccupazione.
  • Gli Stati Uniti hanno anche pubblicato solidi dati sulle vendite di case esistenti.

Giovedì l’indice del dollaro USA (DXY) si trovava in un intervallo ristretto, poiché gli investitori hanno riflettuto sulle richieste di disoccupazione iniziali relativamente forti negli Stati Uniti e sui dati sulle vendite di case esistenti. L’indice viene scambiato a 93,65 dollari, leggermente al di sopra del minimo di questa settimana di 93,48 dollari.

Richieste di disoccupazione e vendite di case esistenti

Il più grande catalizzatore per l’indice del dollaro USA giovedì è stato l’ultimo numero iniziale di richieste di disoccupazione. Secondo il Bureau of Labor Statistics (BLS), le richieste di disoccupazione iniziali sono scese a un minimo post-pandemia di 290mila la scorsa settimana. Questa è stata una performance migliore rispetto all’aumento di 296mila della settimana precedente. Era anche migliore della stima media di 300mila.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Ulteriori dati hanno mostrato che le richieste continue sono scese da 2,6 milioni a 2,48 milioni la scorsa settimana. Gli analisti si aspettavano un modesto calo di 2,55 milioni. Al culmine della pandemia, gli Stati Uniti avevano più di 20 milioni di persone che presentavano domande di disoccupazione.

Questi numeri, insieme al fatto che il tasso di disoccupazione è sceso al 4,8%, sono segnali che il mercato del lavoro si sta stringendo. Inoltre, dati recenti hanno mostrato che gli Stati Uniti avevano più di 10 milioni di posti vacanti.

Pertanto, esiste la possibilità che la Federal Reserve inizi il suo ciclo di inasprimento prima del previsto. Inoltre, i prezzi al consumo sono significativamente al di sopra dell’obiettivo del 2,0%. Si prevede che questi prezzi continueranno a salire man mano che permangono le sfide della supply chain.

Anche l’indice del dollaro USA è aumentato dopo i forti dati sull’edilizia abitativa. Secondo la National Association of Realtors, le vendite di case esistenti sono aumentate a oltre 6,29 milioni a settembre. Questa è stata una performance migliore rispetto ai precedenti 5,88 milioni e ai 6,09 milioni previsti. Pertanto, il settore immobiliare si sta restringendo e i prezzi stanno aumentando, motivo per cui la Fed potrebbe normalizzarsi prima.

Previsioni sull’indice del dollaro USA

Dollar index

Il grafico a quattro ore mostra che l’indice DXY è stato in forte vendita ultimamente. È sceso di quasi l’1% dal livello più alto di questo mese. Il prezzo è anche sceso al di sotto delle medie mobili a 25 e 50 giorni. È anche leggermente al di sopra del livello di ritracciamento di Fibonacci del 38,2%.

Pertanto, il percorso di minor resistenza per l’indice del dollaro è al ribasso, con il prossimo livello di supporto chiave al ritracciamento del 50% a 93,22 dollari.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro