Currie di Goldman Sachs: inizio di un super ciclo di commodities

By: Faith Maina
Faith Maina
Faith si sforza di scomporre gli sviluppi complessi in modo che gli investitori possano prendere decisioni più consapevoli. Quando… read more.
on Gen 13, 2022
  • Goldman Sachs sostiene che questo è l'inizio di un super ciclo delle materie prime.
  • Le configurazioni fondamentali e finanziarie supportano un mercato rialzista per l'asset class.
  • Il rame sarà probabilmente uno dei principali beneficiari del superciclo atteso.

Le materie prime dovrebbero continuare l’ampio trend rialzista osservato nel 2021. Secondo Goldman Sachs, si tratta dell’inizio di un super ciclo per l’asset class.

Superciclo delle commodities

Nel 2021, varie materie prime hanno registrato guadagni significativi durante la ripresa economica in corso dalla pandemia di coronavirus.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

In particolare, il prezzo del rame è cresciuto del 27,18%; ha raggiunto il massimo storico a maggio a $4,89 per libbra. Nello stesso anno, il contratto futures Coffee C, il punto di riferimento mondiale per il caffè Arabica, è balzato al massimo degli ultimi 10 anni all’inizio di dicembre. Anche altre materie prime come il petrolio greggio hanno registrato guadagni sostanziali durante questo periodo.

È interessante notare che Jeff Currie, Global Head of Commodity Research di Goldman Sachs, è dell’opinione che questo sia solo l’inizio del superciclo delle materie prime. Durante un’intervista alla CNBC Television lunedì, l’analista ha dichiarato: “La configurazione fondamentale in questo mercato è incredibilmente forte in questo momento … le dislocazioni tra petrolio, rame e il resto del complesso delle materie prime sono a livelli record”.

La banca d’investimento ha menzionato per la prima volta la probabilità di un superciclo delle commodities a ottobre 2020. Curries osserva che da allora l’ambiente è stato più rialzista di quanto inizialmente previsto. Da un lato, l’elasticità dell’offerta è piuttosto bassa. Allo stesso tempo, la domanda di varie materie prime, tra cui petrolio greggio e rame, non mostra segni di rallentamento nel prossimo futuro. Queste dinamiche sono destinate a mantenere le prospettive rialziste delle materie prime.

In particolare, il petrolio greggio è una delle commodities che ha esteso il suo rally nel nuovo anno. Dall’inizio di dicembre, il benchmark del petrolio globale, i future sul Brent, sono aumentati di circa il 27,60%. Come affermato dall’analista, è attualmente ad un deficit di 2 milioni di bpd, che equivale al 2% del mercato mancante. Inoltre, le scorte sono inferiori del 5% alla media quinquennale.

Oltre ai fondamentali che favoriscono i mercati delle commodities, l’assetto finanziario ha anche creato un ambiente favorevole per il previsto rally. Per cominciare, la partecipazione degli investitori in tale spazio è relativamente bassa.

Inoltre, nel contesto dei mercati finanziari, Goldman Sachs sostiene che il settore è il miglior “posto in cui nascondersi” dopo le dichiarazioni più aggressive della Fed. In effetti, Currie ha indicato che non è l’ideale solo da “una base di puro rendimento, ma anche da una base di copertura”.

Currie ha notato che il prezzo del rame sarà probabilmente il maggior beneficiario del superciclo. Ciò si basa sull’argomento che numerosi Paesi in tutto il mondo stanno lavorando per attuare politiche di decarbonizzazione. Di conseguenza, si prevede che la domanda costante di metallo rosso manterrà i suoi prezzi su un trend rialzista.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
10/10
67% of retail CFD accounts lose money