Legislatori dell’UE contro il divieto delle criptovalute proof-of-work

Di:
su Mar 28, 2022
  • L'Unione Europea non imporrà un divieto sulle criptovalute proof-of-work.
  • La regione va avanti con le normative MiCA.
  • Le normative EU MiCA cercano di regolamentare il settore delle criptovalute.

L’Unione Europea andrà avanti con la proposta di legislazione sui mercati delle criptovalute (MiCA). Tuttavia, la legislazione non includerà il divieto sul mining proof-of-work.

Il Proof-of-work è un sistema di consenso implementato da blockchain come Bitcoin (BTC/USD) ed Ethereum (ETH/USD). Il consenso del PoW ha causato preoccupazioni sulla sua intensità energetica, con conseguenti richieste di vietare le criptovalute che utilizzano il consenso.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

L’UE non vieterà la prova del lavoro

I legislatori nell’UE hanno cercato i modi migliori per regolamentare il vivace settore delle criptovalute. La normativa MiCA passa alle fasi successive, ma non conterrà una disposizione che vieti le criptovalute come Bitcoin che utilizzano il consenso proof-of-work.

Il 14 marzo, i legislatori europei hanno deciso di fermare le speculazioni sul divieto delle crypto proof-of-work. Tale divieto avrebbe potuto influenzare il settore del mining di Bitcoin e causare un crollo del mercato, come quando la Cina ha vietato le criptovalute private l’anno scorso.

L’anno scorso, un rapporto dell’Università di Cambridge ha affermato che l’Europa rappresenta attualmente dal 12% al 14% circa dell’hash rate del mining di Bitcoin. La maggior parte delle attività di mining di BTC sono concentrate in Germania e Irlanda. Pertanto, anche se in Europa venisse imposto un divieto di PoW, l’impatto sull’hash rate globale non sarebbe molto significativo.

Legislazione UE MiCA

Il regolamento MiCA è guidato dal tedesco Stefan Berger. La scorsa settimana, il legislatore ha affermato che la sua raccomandazione di non imporre un divieto al consenso PoW non è stata contraria, rilevando che questo è stato un passo verso il sostegno all’innovazione.

“Buone notizie! La mia proposta NON è contestata. Ora entrerò nei negoziati per evitare che ci sia un divieto di PoW. Il parlamento dell’UE mi dà sostegno e mostra forza innovativa”, ha affermato una traduzione del tweet di Berger.

Il parlamento dell’UE cerca di introdurre regolamenti in tutto lo spazio crypto. Questi regolamenti riguarderanno asset come token non fungibili (NFT), finanza decentralizzata (DeFi), ecc. L’attuale discussione ruota attorno all’eventuale inclusione di questi asset nella legislazione MiCA. I legislatori stanno anche discutendo su quale organismo di regolamentazione si occuperà del settore crypto.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
10/10
67% of retail CFD accounts lose money