L’indice Nikkei 225 raddoppia tra le scommesse sulla curva dei rendimenti della BoJ

Di:
su Jul 18, 2023
Listen
  • L'indice Nikkei 225 è sceso negli ultimi giorni.
  • Questo ritiro coincide con il rimbalzo dello yen giapponese.
  • L'attenzione si sposta sull'imminente decisione della Banca del Giappone.

Segui Invezz su TelegramTwitter e Google Notizie per restare aggiornato >

L’indice Nikkei 225 ha perso slancio nelle ultime settimane. Dopo essere salito a un massimo pluridecennale di ¥ 33.766 questo mese, si è ritirato di circa il 4,70% mentre gli investitori prendono profitti e mentre prende forma la stagione degli utili. L’indice è aumentato di circa il 26% quest’anno, sovraperformando i suoi omologhi americani come gli indici Nasdaq 100 e S&P 500.

Stai cercando segnali e avvisi da parte di trader professionisti? Iscriviti a Invezz Signals™ GRATIS. Richiede 2 minuti.

Preoccupazioni per la crescita economica

Copy link to section

Le azioni giapponesi sono scese questo mese a causa delle crescenti preoccupazioni per l’economia globale. I dati americani pubblicati questo mese hanno mostrato che il mercato del lavoro ha rallentato a giugno. L’inflazione è scesa al 3,0%, segnalando che la domanda stava rallentando.

Lunedì, i dati cinesi hanno rivelato che l’economia si è espansa a un ritmo più lento del previsto nel secondo trimestre. La sua economia è cresciuta del 6,8%, inferiore alla stima mediana del 7,3%. Le vendite al dettaglio e la produzione industriale hanno mancato le stime mentre il tasso di disoccupazione giovanile è salito a un livello record.

Questi numeri sono importanti per il Giappone poiché gli Stati Uniti e la Cina sono due dei suoi maggiori partner commerciali a livello globale. Di conseguenza, un rallentamento economico potrebbe influenzare la domanda di alcune delle sue principali aziende come Toyota e Nissan.

Il prossimo importante catalizzatore per l’indice Nikkei 225 arriverà giovedì, quando il Giappone pubblicherà gli ultimi numeri commerciali. Gli economisti si aspettano che i dati mostrino che le importazioni del paese sono diminuite dell’11,3% a giugno, mentre le esportazioni sono aumentate del 2,2%.

Le esportazioni del Giappone sono aiutate dalla debolezza dello yen. La valuta è crollata a 145,06 a giugno, per poi risalire a ~138,60. Uno yen più debole aiuta a incrementare le esportazioni rendendo le merci giapponesi più economiche.

Nel frattempo, la prossima settimana si riuniranno la Bank of Japan (BoJ) e la Federal Reserve. Gli economisti si aspettano che la BoJ modificherà la sua curva dei rendimenti mentre cerca di uscire dalla sua politica ultra-accomodante. La Fed, invece, dovrebbe alzare i tassi di un altro 0,25%.

I migliori guadagni dell’indice Nikkei sono stati società come Okuma, Resona Holdings, Mitsubishi UFJ Financial, Amada, Eisai e Mizuho Financial. Tutte queste azioni sono aumentate di oltre il 2%. D’altra parte, i maggiori ritardatari nell’indice sono stati Rakuten, CyberAgent, Toho e Pacific Metals.

Previsioni dell’indice Nikkei 225

Copy link to section
Nikkei 225

Grafico dell’indice Nikkei di TradingView

L’indice Nikkei 225 si è ritirato nelle ultime settimane. Questa tendenza si è verificata dopo che l’indice ha formato un modello double-top a ¥ 33.766. Nell’analisi dell’azione dei prezzi, questo modello è solitamente un segnale ribassista.

L’indice si è spostato leggermente al di sotto delle medie mobili a 25 e 50 periodi. Ancora più importante, il Relative Strength Index (RSI) ha formato un modello di divergenza ribassista. Pertanto, l’indice Nikkei rimarrà probabilmente sotto pressione mentre continuano le prese di beneficio. Questa tendenza potrebbe farla scendere a ¥ 31.000.

Questo articolo è stato tradotto dall'inglese con l'aiuto di strumenti AI, e successivamente revisionato da un traduttore locale.

Bank of Japan Giappone Nikkei 225 Index Borsa