Muoviti sul dollaro dello Zimbabwe: anche queste valute si stanno muovendo verso il baratro

Di:
su Sep 15, 2023
Listen
  • Il dollaro dello Zimbabwe è crollato alcuni anni fa, dopo anni di stampa di banconote.
  • Ora, altre valute come la naira nigeriana, lo scellino keniota e il peso argentino stanno crollando.
  • La crisi valutaria potrebbe continuare con l’impennata dell’indice del dollaro USA e del petrolio greggio.

Segui Invezz su TelegramTwitter e Google Notizie per restare aggiornato >

Il dollaro dello Zimbabwe è noto come la valuta che è crollata alcuni anni fa. Le immagini degli inutili 10mila miliardi di dollari dello Zimbabwe sono diventate iconiche nel corso degli anni. Ora, mentre l’indice del dollaro USA (DXY) e i prezzi del petrolio greggio rimbalzano, anche altre valute nei mercati sviluppati ed emergenti stanno crollando.

Stai cercando segnali e avvisi da parte di trader professionisti? Iscriviti a Invezz Signals™ GRATIS. Richiede 2 minuti.

Il peso argentino è crollato

Copy link to section

Cominciamo dal Sud America, dove il peso argentino è crollato ai minimi storici. Il tasso di cambio ufficiale USD/ARS è salito a oltre 350, mentre il tasso del mercato nero è molto più alto. Come ho scritto recentemente, il peso argentino è crollato dopo anni di stampa di valuta e default del debito.

Purtroppo la situazione non migliorerà tanto presto. Innanzitutto, il principale candidato alla presidenza ha promesso di dollarizzare l’economia e “bruciare” la banca centrale. Di conseguenza, molte persone e aziende si sono spostate verso la sicurezza delle valute estere prima delle elezioni.

In Africa, la naira nigeriana è crollata al minimo storico di 955 nel mercato nero e a 760 nel tasso ufficiale. L’economia più popolosa dell’Africa sta attraversando numerose sfide, tra cui l’elevata inflazione e la carenza di dollari. I dati pubblicati venerdì hanno mostrato che l’inflazione complessiva è salita al 25,8% ad agosto, mentre l’inflazione alimentare è salita al 29,34%.

L’inflazione della Nigeria stava aumentando anche prima che il governo decidesse di eliminare i sussidi alla benzina che esistevano da anni. Oggi i nigeriani pagano circa 0,81 dollari al litro, il livello più alto mai registrato.

https://www.youtube.com/watch?v=so2hlBtbNVY&pp=ygURbmlnZXJpYSBpbmZsYXRpb24%3D

Continua la svendita della lira turca

Copy link to section

Nel frattempo, in Turchia, la lira ha registrato negli anni una forte caduta libera. Il tasso di cambio USD/TRY è stato scambiato a 26,98, il 412% al di sopra del livello più basso del 2019. È aumentato di quasi il 2.000% negli ultimi due decenni.

Il crollo della lira turca è dovuto alla mancanza di indipendenza della Banca Centrale della Repubblica di Turchia (CBRT). Nel corso degli anni, il presidente Erdogan ha insistito su tassi di interesse bassi anche in periodi di elevata inflazione. I dati più recenti hanno mostrato che l’inflazione complessiva è salita a oltre il 50% in agosto.

Altre valute che stanno andando verso il baratro sono la rupia pakistana, lo scellino keniota e la sterlina libanese. Gli analisti ritengono che queste valute potrebbero crollare ulteriormente nei prossimi mesi, poiché l’indice del dollaro statunitense (DXY) è balzato a 105 dollari e il petrolio greggio è salito a oltre 90 dollari.

Questo articolo è stato tradotto dall'inglese con l'aiuto di strumenti AI, e successivamente revisionato da un traduttore locale.

ARS Nigeria TRY USD Africa Forex