Coinbase segnala un picco record di depositi da 1.200$

By: Ali Raza
Ali Raza
Ali svolge un ruolo chiave nel team di notizie sulle criptovalute. Ama viaggiare nel tempo libero e gli piace… read more.
on Apr 18, 2020
Updated: Apr 28, 2020
  • Coinbase, ha recentemente riportato un curioso aumento del numero di depositi di 1.200 dollari.
  • I depositi sono arrivati subito dopo che circa 80 milioni di cittadini statunitensi hanno ricevuto aiuti finanziari.
  • Non ci sono dati ufficiali che confermino che gli americani stiano usando gli aiuti finanziari per investire in crypto.

Coinbase, il più grande exchange di criptovalute con sede negli Stati Uniti, ha recentemente segnalato un gran numero di depositi piuttosto specifici. I depositi hanno iniziato ad arrivare subito dopo che il governo statunitense ha iniziato a distribuire il bonus di stimolo come parte del suo programma di sollievo dal Coronavirus.

Il CEO di Coinbase rivela interessanti dati relativi ai depositi

I dati della nuova ondata di depositi provengono dallo stesso CEO di Coinbase, Brian Armstrong. Armstrong ha notato che l’exchange ha registrato un numero record di depositi di 1.200 dollari nella giornata di giovedì. In genere, gli importi di 1.200 dollari rappresentano lo 0,1% dei depositi totali di Coinbase. Ieri, tuttavia, questa percentuale è salita allo 0,4%.

https://twitter.com/brian_armstrong/status/1250907110730170370

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Un dettaglio interessante è il fatto che tutti questi depositi sono arrivati dopo che gli Stati Uniti hanno iniziato a distribuire il loro pacchetto di stimoli per il Coronavirus da 2,2 trilioni di dollari. Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha rivelato che ogni adulto che guadagna meno di 75.000 dollari all’anno riceverà un aiuto finanziario. Questo include assegni dell’importo esatto di 1.200 dollari.

È interessante notare che i depositi che hanno iniziato ad arrivare a Coinbase erano tutti della stessa somma, destinata a combattere la lotta finanziaria, di 1200 dollari. Un altro dettaglio interessante è che i fondi hanno iniziato ad arrivare a Coinbase subito dopo che gli americani hanno iniziato a riceverli dal governo.

Finora, circa 80 milioni di persone dovrebbero aver ricevuto depositi diretti sul loro conto bancario nella giornata di mercoledì. Ciò è stato confermato dal segretario del Tesoro, Steven Mnuchin.

Per cosa hanno usato i soldi gli americani?

Netspend, che è l’entità che ha elaborato circa 1 miliardo di dollari in questo programma di soccorso, ha detto che la maggior parte delle persone utilizzano i fondi come previsto. Pagano per fast food, spesa, benzina, medicinali o semplicemente ritirano denaro contante.

Tuttavia, con i nuovi dati che arrivano da Coinbase, molti ipotizzano che un discreto numero di beneficiari abbia usato il denaro per acquistare criptovalute.

La cosa non sorprende, naturalmente. Alcuni esperti hanno affermato che la stampa di denaro su larga scala potrebbe portare a un calo del valore del dollaro, portando a un’iperinflazione. Con tali preoccupazioni, ha molto senso che le persone siano alla ricerca di asset alternativi.

Un’altra importante coincidenza è che il prezzo di BTC è aumentato di circa 550 dollari nel giro di un’ora e mezza ieri. BTC è passata da meno di 6.500 dollari a più di 7.000 dollari, superando ancora una volta una resistenza cruciale.

Anche adesso, si trova ancora al di sopra di questo livello. Nel frattempo, il valore del mercato crypto è salito dell’8,5%, passando da 187 a 203 miliardi di dollari.

Naturalmente, non ci sono conferme ufficiali che gli americani abbiano usato gli aiuti finanziari per investire nelle criptovalute, questa rimane pura speculazione. Ma comunque, sono parecchie coincidenze pervenute tutte insieme, e la cosa è degna di nota.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro