Ripple considera il Brasile per l’espansione della sua rete di rimessa

Scritto da: Ali Raza
Giugno 15, 2020
  • Ripple ha in programma di stabilirsi in Brasile, secondo un'intervista con il suo funzionario.
  • Marjan Delatinne, ha parlato di progetti di espansione in "paesi esotici," tra cui il Brasile.
  • CEO di Ripple, Brad Garlinghouse, ha tenuto una conferenza con il presidente della Banca del Brasile.

La crypto startup Ripple, l’azienda che alla base di XRP, potrebbe presto fare una mossa per espandere ulteriormente le sue attività in Sud America. Questa conclusione è arrivata dopo una recente intervista con Marjan Delatinne, il responsabile del settore bancario globale di Ripple.

L’intervista è stata pubblicata l’8 giugno su un canale YouTube, Future of Finance, e offre alcune interessanti informazioni sui piani della società. Se le conclusioni tratte dal video sono corrette, Ripple potrebbe espandere la sua rete internazionale di corridoi di pagamento verso il Brasile.

Ripple mira ai “corridoi esotici”

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

L’intervista ha riguardato una serie di argomenti, tra cui i servizi ODL di Ripple. Durante la discussione, Delatinne ha dichiarato che la società aveva in programma di estendere il suo servizio di rimesse ai “corridoi esotici”.

Ha poi indicato specificamente due località, le Filippine e il Brasile, come mercati in cui le persone potrebbero voler spostare i fondi in base alle necessità, invece di mantenere la liquidità.

Dopotutto, Ripple lavora già con tre diverse aziende con sede in Brasile: Santander, Banco Redimento e Bradesco. Tutte e tre le società utilizzano la rete di servizi finanziari blockchain di Ripple, RippleNet.

Attraverso di essa, possono inviare e ricevere istantaneamente pagamenti da e verso qualsiasi parte del mondo.

Delatinne ritiene inoltre che l’ODL possa essere utilizzato insieme all’XRP, che può colmare due diverse valute fiat nelle transazioni internazionali. Allo stesso tempo, i servizi ODL sembrano essere sempre più popolari.

Nel primo trimestre di quest’anno, il volume della rete di Ripple è quasi triplicato, mentre le transazioni in USD con ODL sono aumentate di circa il 300%.

Convincere i regolatori

Ci sono ulteriori prove che Ripple si sta preparando a trasferirsi in Brasile, uno dei quali è l’annuncio pubblicato dalla banca centrale del Paese. Il presidente della banca, Roberto Campos Neto, ha recentemente tenuto una videoconferenza con Brad Garlinghouse, CEO di Ripple, e altri tre rappresentanti dell’azienda.

Garlinghouse stesso ha spiegato in passato che Ripple insiste sulla conformità normativa. Questa è stata una parte fondamentale della crescita del progetto. La questione principale è spiegare alle autorità di regolamentazione che l’utilizzo di questa rete non aggira i quadri normativi. Una volta capito, si sentiranno subito a loro agio.