Ad

L’Italia ha circa 100 banche che operano su blockchain

Di:
su Oct 14, 2020
Aggiornato: Jun 1, 2022
Listen
  • L'ultima ondata di banche italiane che hanno aderito alla blockchain Spunta include 42 nuove istituzioni.
  • Con queste 42 nuove banche, ci sono attualmente 97 banche in Italia che operano sulla blockchain.
  • Il passaggio alla tecnologia blockchain accelera il processo di riconciliazione, rendendolo più vantaggioso.

Segui Invezz su TelegramTwitter e Google Notizie per restare aggiornato >

Le banche italiane stanno migrando rapidamente verso la rete blockchain bancaria ufficiale nazionale, Spunta. L’ultima aggiunta include 42 nuovi istituti di credito, che ha portato il numero totale di banche che operano su blockchain a circa 100.

Stai cercando segnali e avvisi da parte di trader professionisti? Iscriviti a Invezz Signals™ GRATIS. Richiede 2 minuti.

Quasi 100 banche in Italia ora utilizzano blockchain

Copy link to section

La nuova informazione arriva dal bando pubblicato dall’Associazione Bancaria Italiana (ABI).

Le banche hanno iniziato ad aderire a Spunta, costruita sulla blockchain Corda di R3, all’inizio di quest’anno, tra i mesi di marzo e maggio. In quel periodo hanno aderito 55 banche, desiderose di migliorare la velocità dei regolamenti e dei trasferimenti di dati interbancari.

E, secondo ABI, hanno raggiunto l’obiettivo. Da marzo 2020, sono state oltre 204 milioni le transazioni che l’infrastruttura di Spunta è riuscita a elaborare. Secondo i calcoli attuali, è probabile che tale numero superi i 350 milioni prima della fine del 2020.

In che modo la tecnologia blockchain aiuta le banche?

Copy link to section

Il processo di elaborazione delle transazioni e dei dati tra banche diverse è tristemente lungo e complesso. Le banche fondamentalmente non si fidano l’una dell’altra, il che significa che i pagamenti e il flusso di dati da una banca all’altra devono essere approvati e concordati da tutte le istituzioni partecipanti. Devono eseguire calcoli complessi per determinare quanti soldi una banca deve all’altra e viceversa.

La tecnologia blockchain accelera notevolmente il processo, motivo per cui ha senso aderire per queste istituzioni. Prima di passare alla blockchain, tali riconciliazioni richiedevano intere settimane per essere completate, mentre ora tutto può essere fatto in un giorno.

Finora, le banche si sono unite a Spunta a ondate, con l’afflusso iniziale che includeva 32 banche. Successivamente, 23 si sono unite a marzo e ora altre 42 sono migrate su blockchain ad ottobre, portando il totale attuale a 97 banche.

Tuttavia, la stessa ABI è composta da oltre 700 banche, quindi ce ne saranno molte altre in futuro, una volta che avranno stabilito che tale mossa sarebbe molto vantaggiosa per loro. L’ABI ha persino fatto un annuncio all’inizio del 2020, osservando che le banche in Italia potrebbero essere pronte a creare un euro digitale, che sarebbe l’ennesima CBDC pronta a vedere il lancio.

Italia Blockchain Crypto