Il nuovo ceppo di COVID-19 causa un calo dei titoli energetici

Scritto da: Jayson Derrick
Dicembre 22, 2020
  • L'UK ha scoperto un nuovo ceppo del virus COVID-19 che potrebbe essere il 70% più contagioso.
  • Le aspettative di blocchi continui o estesi in UK e altrove hanno spinto al ribasso i prezzi del petrolio.
  • Lunedì alcuni titoli petroliferi ed energetici sono scesi di oltre il 5%.

La scoperta di un nuovo ceppo del coronavirus nel Regno Unito ha contribuito ieri al selloff di titoli energetici e petroliferi, secondo quanto riportato dal Wall Street Journal.

Petrolio in calo del 4% a causa dei crescenti timori

I prezzi del greggio Brent sono scesi del 4,1% a 50,10$ al barile, mentre i prezzi del petrolio WTI sono diminuiti del 4,1% a 47,31$. La debolezza è attribuita a un nuovo ceppo COVID-19 che è il 70% più contagioso.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Il governo del Regno Unito ha scoperto il ceppo negli ultimi giorni e ha agito immediatamente per imporre nuove restrizioni in tutto il Paese con un focus su Londra.

Naturalmente, le aspettative per lockdown più severi in tutto il mondo in reazione alla scoperta non sono di buon auspicio per la domanda di petrolio. Ciò segnerebbe un’inversione di tendenza in quanto i prezzi del petrolio hanno mostrato uno slancio verso l’alto quasi ininterrotto dall’inizio di novembre, quando è stata confermata l’efficacia del primo vaccino.

“La nuova variante del virus e le nuove restrizioni ai viaggi hanno nuovamente aumentato l’ansia”, ha detto al WSJ Norbert Rücker, capo della ricerca commodities presso Julius Baer . “La strada per tornare alla normalità ha i suoi dossi e questo sembra essere l’ultimo”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime notizie relative al petrolio che influiscono sui tuoi investimenti? Assicurati di seguire la pagina delle notizie sul petrolio greggio di Invezz per essere sempre aggiornato.

Titoli con reazioni degne di nota

Le azioni petrolifere quotate in Europa sono scese più delle controparti americane. In particolare, BP plc (LON: BP) è scesa di quasi il 5% e le azioni Total SE (EPA: FP) sono scese di quasi il 4%.

Tuttavia, Royal Dutch Shell Plc (LON: RDSB) ha registrato un calo delle azioni di quasi il 6%. La tempistica del selloff del petrolio ha coinciso con l’annuncio della società che sta svalutando i suoi asset di $4,5 miliardi.

Dall’altra parte dell’oceano, le azioni di Exxon Mobil Corporation (NYSE: XOM) sono scese del 2,4% mentre Chevron Corporation (NYSE: CVX) ha visto le sue azioni scendere dell’1,2%.

Quali sono le prospettive per le azioni petrolifere?

I trader e gli investitori stanno cercando segnali per capire la futura direzione dei prezzi del petrolio e gli ultimi dati potrebbero suggerire un ribasso. I principali Paesi stanno cancellando i voli in partenza dal Regno Unito e, con il passare dei giorni e delle settimane, altri potrebbero seguire l’esempio.

Tamas Varga, analista di PVM Oil Associates, ha spiegato al WSJ che il continuo rilascio di vaccini “probabilmente metterà un prezzo minimo”.

Ha anche aggiunto: “Non credo che il mercato sia diventato così ribassista che le persone siano disposte a vendere allo scoperto, ma la flessione che vedete in questo momento sarà probabilmente brusca”.