Presidente della SEC sulle crypto: proteggere gli investitori deve essere la massima priorità

By: Ali Raza
Ali Raza
Ali svolge un ruolo chiave nel team di notizie sulle criptovalute. Ama viaggiare nel tempo libero e gli piace giocare a… read more.
on Mag 8, 2021
  • L'industria crypto rimane speculativa, volatile e rischiosa come sempre, secondo Gary Gensler.
  • Crede che ci siano problemi che devono essere affrontati, come portare una maggiore protezione.
  • Sfortunatamente, manca un organismo di regolamentazione che abbia l'autorità al riguardo.

La questione della regolamentazione delle criptovalute è stata qualcosa che l’industria crypto ha atteso con impazienza per molto tempo. Sfortunatamente, non è mai accaduta realmente, fino ad ora. Ma la SEC degli Stati Uniti ora ha un nuovo presidente, Gary Gensler, che ha una grande familiarità con le criptovalute, essendo un professore del MIT che ha tenuto diversi corsi in materia. Grazie alla sua familiarità con il settore, le cose potrebbero cambiare negli Stati Uniti con il passare del tempo.

In una recente intervista con la CNBC, ha parlato di criptovaluta e dei problemi della sua regolamentazione.

Il problema della regolamentazione delle criptovalute

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Secondo lui, la questione della regolamentazione delle criptovalute è tutt’altro che semplice. Molti “token crypto”, come ha insistito per chiamarli, sono, in effetti, come titoli azionari. A tal proposito, la SEC è stata estremamente impegnata a gestirli poiché questi progetti hanno affermato il contrario, e di conseguenza, sono rimasti non regolamentati e, peggio ancora, hanno invitato continuamente la comunità crypto a investire nei loro token.

Tuttavia, ha ammesso che ci sono alcuni progetti, come Bitcoin, che sono veramente digitali, scarse riserve di valore, ma sono altamente volatili. Questa volatilità è ciò che attrae gli investitori, per la maggior parte. Per non parlare del fatto che monete come queste hanno una correlazione inferiore con altri mercati, il che consente loro di funzionare in una classe di asset ininterrotta, senza influenze esterne.

Il problema è che tutto ciò rende anche le criptovalute troppo imprevedibili, motivo per cui il mercato ha bisogno di una maggiore protezione degli investitori. Dato che la SEC non ha il regime federale che sovrintende ai crypto exchange, c’è poco che le autorità di regolamentazione possano fare per proteggere gli investitori che vogliono investire in queste monete negli exchange.

Secondo Gensler, è un’enorme lacuna nel sistema attualmente e deve essere affrontata. La domanda è: chi può affrontarla e chi la affronterà?

Gensler ha affermato che l’agenzia sorella della SEC, la CFTC, ha un’autorità antifrode e anti-manipolazione limitata. Tuttavia, non esiste un’autorità federale che porterebbe regolamentazione nei crypto exchange. In altre parole, non è che l’industria delle criptovalute non possa essere regolamentata, il problema è che al momento non esiste un organismo di regolamentazione dispone di tale autorità.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro