Il Texas consente alle banche statali di detenere crypto per conto dei clienti

By: Jinia Shawdagor
Jinia Shawdagor
Jinia è un'appassionata di criptovalute e blockchain con sede in Svezia. Ama tutto ciò che è positivo, viaggiare ed… read more.
on Giu 11, 2021
  • Le banche devono attuare protocolli di gestione del rischio efficienti ed efficaci prima di procedere.
  • Secondo quanto riferito, le banche possono offrire servizi di custody su capacità non fiduciarie.
  • Secondo il Texas Department of Banking, le banche dovrebbero restituire i fondi dei clienti su richiesta.

Le banche statali del Texas possono ora detenere criptovalute per conto dei loro clienti. Il Texas Department of Banking ha emesso tale avviso il 10 giugno, affermando che le banche devono disporre di protocolli efficienti per la gestione efficace dei rischi associati. A parte questo, devono rimanere conformi.

Secondo l’avviso, le banche statali del Texas hanno fornito ai loro clienti una custodia sicura per una pletora di asset. A tal fine, il Texas Department of Banking ha concluso che l’autorità per fornire servizi di custodia di criptovalute esiste già ai sensi del Texas Finance Code § 32.001. Sebbene il dipartimento riconosca che la custodia delle criptovalute varierà dalla custodia di asset tradizionali, non crede che sarà un problema, a condizione che i suddetti protocolli siano implementati.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

A tal proposito, il dipartimento ha affermato che le banche dovrebbero scegliere quali servizi di custodia di criptovalute offrire in base alla loro esperienza. Offrendo alle banche opzioni di crypto custody, il dipartimento ha affermato che le istituzioni finanziarie interessate potrebbero consentire agli utenti di mantenere il pieno controllo delle loro criptovalute e prendere solo una copia delle private key dei loro wallet. In alternativa, le banche possono chiedere ai propri clienti di trasferire criptovalute al proprio wallet e creare nuove private key per la custodia.

Priorità alla sicurezza dei fondi dei clienti

Secondo il Texas Department of Banking, le banche statali possono offrire servizi di custodia di criptovalute a capacità fiduciarie o non fiduciarie. Adottando un approccio non fiduciario, le banche manterranno le criptovalute dei loro clienti lasciando che i clienti mantengano un titolo legale sulle loro partecipazioni. In questo caso, la portata degli obblighi delle banche dipenderà dal loro accordo con i loro clienti. Tuttavia, devono garantire la sicurezza dei fondi a loro cura e restituirli ai clienti illesi su richiesta.

Per utilizzare un approccio fiduciario di custodia delle criptovalute, le banche devono avere poteri fiduciari. Secondo quanto riferito, ciò potrebbe richiedere alle banche di modificare i propri statuti e/o conformarsi al 7 Texas Administrative Code § 3.23. Offrendo servizi di custody a titolo fiduciario, le banche avranno il potere di gestire le criptovalute allo stesso modo di altri asset.

Oltre a prestare attenzione ai clienti, l’avviso avverte che le banche devono condurre la dovuta diligenza per comprendere i rischi connessi all’offerta di custodia di criptovalute. Per le banche che decidono di proseguire nell’offerta di questo servizio, l’avviso suggerisce l’implementazione di efficaci sistemi di gestione del rischio. Con tali sistemi, le banche saranno in grado di misurare, monitorare e controllare una serie di rischi associati al crypto custody.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro