L’UE decide di investire $177M in tecnologie emergenti, inclusa la blockchain

By: Ali Raza
Ali Raza
Ali svolge un ruolo chiave nel team di notizie sulle criptovalute. Ama viaggiare nel tempo libero e gli piace… read more.
on Set 16, 2021
  • L'UE si sta finalmente concentrando sulle tecnologie emergenti per aiutare la ripresa economica.
  • I Paesi dell'UE hanno concordato di accantonare $177 miliardi per la tecnologia emergente.
  • Finora non si sa quanto verrà concesso a ciascun settore, né quando i fondi potrebbero essere distribuiti.

Blockchain e altre tecnologie emergenti stanno attirando l’interesse del mondo intero poiché gli sviluppatori stanno imparando come combinarle, migliorarle e creare nuove soluzioni che miglioreranno la vita dell’umanità.

Naturalmente, con il grande potenziale di queste tecnologie, anche le più grandi forze mondiali, come l’UE, stanno cercando modi per sostenerle. L’Unione Europea, in particolare, starebbe pianificando di offrire un massiccio investimento di 177 miliardi di dollari. Non tutto andrà alla blockchain, ovviamente, ma probabilmente una parte considerevole dell’importo lo farà.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Il resto sarà distribuito in una varietà di settori, tra cui 5G, infrastruttura dati, informatica quantistica e altro ancora.

Il fondo di investimento rappresenta il 20% del pacchetto di stimolo da 750 miliardi di euro (886 miliardi di dollari), su cui i leader dell’UE hanno concordato quando hanno discusso di dare il via alla ripresa economica danneggiata dagli effetti del COVID-19. Questo incontro si è svolto nel luglio 2020 e l’UE si sta finalmente muovendo per realizzare le decisioni prese dai suoi membri oltre un anno fa.

Le tecnologie digitali sono fondamentali per l’intera regione, afferma la Commissione europea

La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha recentemente parlato dell’importanza di investire nella tecnologia digitale, sottolineando che è fondamentale per l’intera regione. Tuttavia, i funzionari hanno convenuto che devono stare attenti in modo che incidenti come la carenza di semiconduttori non si ripetano, poiché potrebbero influenzare le industrie di tutto il mondo.

Come accennato, questa prima tornata di investimenti interesserà diversi settori, anche se non è stato specificato quanto verrà investito in ogni singolo settore.

Ciò che è noto, tuttavia, è che all’inizio di questo mese, la Iota Foundation e altre sei aziende sono state scelte per supportare la creazione dell’infrastruttura europea dei servizi blockchain. Le società che sono state selezionate hanno ricevuto i punteggi migliori, ma alla fine ne verrà accettata solo una, una volta che qualche altro round in più eliminerà quelle che per qualsiasi motivo non saranno ritenute sufficienti.

Inoltre, con il mondo che si affretta a introdurre regolamenti per le criptovalute, si dice che gli Stati Uniti e l’UE potrebbero presto iniziare una collaborazione per raggiungere questo obiettivo.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro