Adobe Photoshop lancia una funzione per combattere il furto di NFT

By: Ali Raza
Ali Raza
Ali svolge un ruolo chiave nel team di notizie sulle criptovalute. Ama viaggiare nel tempo libero e gli piace… read more.
on Ott 27, 2021
  • Adobe Photoshop sta lanciando la funzione Content Credentials per la verifica degli NFT.
  • Questa funzione dovrebbe debuttare entro la fine del mese.
  • Secondo il Chief Product Officer di Adobe, la funzione era molto richiesta da parte degli utenti.

Adobe ha annunciato l’intenzione di lanciare una funzionalità in Photoshop che migliorerà l’esperienza per le persone che si occupano di token non fungibili. Attraverso questa funzionalità, sarà possibile per gli utenti autenticare l’originalità degli NFT.

La funzione denominata Content Credentials consentirà ai venditori di NFT di abbinare il proprio Adobe ID con il proprio crypto wallet, consentendo così la creazione di un certificato verificato che autentica l’origine dell’NFT.

La funzione per gli NFT

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Il Chief Product Officer di Adobe, Scott Belsky, ha rivelato questa nuova funzionalità affermando che sarà integrata in Photoshop, con un’anteprima della stessa che debutterà entro la fine di ottobre.

Belsky ha anche aggiunto che i dati di attribuzione sviluppati da Content Credentials saranno archiviati su un sistema InterPlanetary File System (IPFS). Il sistema IPFS darà a questa funzione una qualche forma di decentralizzazione nell’hosting dei file perché l’azienda non sarà responsabile dei dati. Anzi, una rete di persone assumerà questo ruolo.

Adobe ha anche aggiunto che le credenziali di contenuto saranno disponibili sui principali mercati NFT, tra cui OpenSea, SuperRare, Rarible e KnownOrigin.

La funzionalità soddisferà la domanda dei clienti

Belsky ha dichiarato che il lancio di questa funzionalità Adobe arriva dopo l’aumento della domanda dei clienti. Ha notato che gli artisti sulla piattaforma si sono lamentati del furto della loro arte dopo che altre persone hanno pubblicato varie imitazioni. Pertanto, diventa impossibile per gli acquirenti trovare il creatore originale.

Il furto d’arte è uno dei maggiori problemi nel settore NFT. Ci sono state molte persone che hanno coniato opere d’arte che non hanno creato e su cui non hanno alcun diritto. È facile rubare arte NFT perché chiunque può coniarla anche se non ha il diritto d’autore sulla stessa.

Blockchain non ha funzionalità che possono essere utilizzate per impedire ad altri di coniare NFT. Quando un NFT viene coniato sulla blockchain e gli acquirenti non hanno idea del pezzo originale, possono essere ingannati nell’acquisto di duplicati.

La funzione Content Credentials non impedirà ad altri di coniare falsi NFT, ma assicurerà che i venditori possano autenticare che stanno vendendo pezzi originali, impedendo che un acquirente venga ingannato.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
10/10
67% of retail CFD accounts lose money