Ad

Binance e altri 9 scambi bloccati dall’app store di Apple in India

Di:
su Jan 10, 2024
Listen
  • Gli scambi nella lista nera sono stati emessi con avvisi il 28 dicembre.
  • La mossa mira a eliminare gli scambi non conformi e livellare il campo di gioco.
  • Binance ha rassicurato i suoi utenti esistenti che non saranno interessati poiché si adopera per conformarsi.

Segui Invezz su TelegramTwitter e Google Notizie per restare aggiornato >

Dieci scambi di criptovalute, tra cui Binance e KuCoin, sono stati bloccati dall’app store di Apple in India. Il Ministero delle Finanze indiano ne ha ordinato la rimozione per inadempienza.

Stai cercando segnali e avvisi da parte di trader professionisti? Iscriviti a Invezz Signals™ GRATIS. Richiede 2 minuti.

La rimozione avviene settimane dopo che la Financial Intelligence Unit (FIU) del Ministero delle Finanze indiano ha accusato gli scambi di operare illegalmente nel paese. L’agenzia ha inoltre accusato gli scambi di non aver rispettato le norme antiriciclaggio.

La UIF ha notificato gli scambi il 28 dicembre 2023 e ha chiesto al Ministero dell’Elettronica e dell’Informazione di bloccarli. Secondo la FIU, gli scambi che operano in India dovrebbero essere registrati come entità segnalanti e presentare documentazione presso il dipartimento delle imposte sul reddito.
Altri scambi presi di mira sono Bitget, Huobi, Gate.io, OKX, Kraken e MEXC. Il blocco delle applicazioni di scambio significa che non saranno più disponibili per i nuovi utenti indiani.

Move cerca di aumentare il rispetto delle leggi indiane

Copy link to section

La decisione dell’India arriva proprio mentre il Paese intensifica la regolamentazione delle criptovalute e si concentra sulla conformità degli scambi, compresa l’eliminazione dell’evasione fiscale. La mossa arriva quando i trader di criptovalute indiani hanno spostato i loro investimenti sugli scambi offshore dopo che il paese ha imposto tasse sui redditi delle risorse digitali nel 2022.

Secondo la legge, gli indiani sono tenuti a pagare una tassa del 30% sulle partecipazioni e sui trasferimenti di criptovalute. I trader sono inoltre soggetti a un’imposta alla fonte dell’1% per ogni operazione di criptovaluta effettuata.

La mossa rivolta agli scambi offshore mira a livellare il campo di gioco anche se l’India continua a spingere per una collaborazione globale nella regolamentazione del settore delle criptovalute. Al contrario, sebbene le borse locali indiane abbiano dovuto far fronte a requisiti rigorosi, comprese le procedure KYC, le piattaforme straniere hanno operato al di fuori dello stesso controllo.

In seguito alla decisione dell’India, Binance South Asia si è rivolta a X per rassicurare che i suoi utenti esistenti non saranno colpiti. Binance ha affermato che sta lavorando per conformarsi alle normative locali, promettendo di collaborare con i regolatori per risolvere la situazione.

Questo articolo è stato tradotto dall'inglese con l'aiuto di strumenti AI, e successivamente revisionato da un traduttore locale.

Binance India Crypto