Le aziende nautiche cilene potranno creare una piattaforma blockchain

Scritto da: Ali Raza
Ottobre 21, 2020
  • Nove compagnie di spedizioni cilene hanno collaborato per creare una piattaforma basata su blockchain.
  • L'FNE del Paese ha appena approvato il progetto e le aziende possono ora procedere con lo sviluppo.
  • Ad altre società verrà offerto l'accesso alla piattaforma, ma non verranno condivise informazioni sensibili.

La FNE cilena (National Economic Prosecutor’s Office) ha recentemente deciso di consentire a nove società di spedizioni marittime di merci del Paese di unire le forze e creare una piattaforma blockchain. Questa sarebbe la prima concessione di questo tipo nella regione e probabilmente migliorerà in modo significativo il processo di spedizione.

Piattaforma di spedizione basata su blockchain in via di sviluppo in Cile

L’uso della tecnologia blockchain per migliorare le supply chain è ben noto in tutto il mondo e questa tecnologia è stata utilizzata più volte per tali scopi. Un esempio è il porto olandese di Rotterdam, che ha lanciato un progetto pilota basato sulla tecnologia blockchain.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Il progetto pilota ha attirato alcune delle più grandi aziende nautiche del settore, poiché promette di migliorare l’efficienza e la sicurezza di milioni di spedizioni all’anno. Ora il Cile prevede di utilizzarla anche per questo settore.

Secondo le informazioni pubblicate da MundoMaritimo.cl, la piattaforma sarà conosciuta come GSBN, o Global Shipping Business Network. Sarà utilizzato principalmente per la gestione dell’emissione di documenti di carico marittimo, per lo sdoganamento del carico e per scopi simili.

Sebbene la piattaforma sarà creata dalle nove aziende che hanno avviato l’iniziativa, alla fine sarà offerta anche ad altre aziende del settore.

I suoi sviluppatori sono: Qingdao Port, OOCL, Hapag-Lloyd, PSA, SIPG, Cosco Shipping Ports, Hutchison Ports, CGM, CMA, Cosco Shipping Lines e Hutchison Ports. Tuttavia, mentre è noto quali aziende svilupperanno la piattaforma, il budget assegnato per la sua creazione rimane sconosciuto.

La piattaforma non minaccerà coloro che non la utilizzano

Ovviamente, la piattaforma non trasferirà dati sensibili riguardo il commercio. Grazie a queste informazioni, è noto che le preoccupazioni riguardanti l’uso della piattaforma per facilitare il coordinamento tra gli elementi costitutivi della spedizione non sono necessarie.

Tuttavia, è anche noto che il progetto è stato presentato a numerose agenzie di concorrenza di varie nazioni, tra cui Corea del Sud, Ucraina, Polonia e persino Stati Uniti.

Non è chiaro se vedano o meno il progetto come una potenziale opportunità o un problema, poiché nessuno di loro ha rivelato le proprie opinioni al riguardo, per il momento.