Le azioni Intel sono in un mercato ribassista anche se la società ha alzato la guidance per l’intero anno

Scritto da: Stanko Iliev
Gennaio 2, 2021
  • Le azioni Intel si sono mosse in una tendenza al ribasso dalla metà di febbraio.
  • Il primo segno dell'inversione di tendenza sarà se il prezzo supererà la resistenza di $60.
  • Intel dovrà affrontare una sfida nel 2021 tra le preoccupazioni nella produzione dei suoi nuovi processori.

Le azioni Intel (NASDAQ: INTC) hanno sottoperformato nell’anno 2020 a causa delle preoccupazioni relative ai ritardi dei processi e alla notizia che Microsoft sta lavorando sui propri chip. Dal punto di vista tecnico, le azioni Intel rimangono nel mercato ribassista e il primo segno di inversione di tendenza sarà se il prezzo salterà sopra la resistenza di 60 dollari.

Analisi fondamentale: Intel dovrà affrontare una sfida nel 2021 tra le preoccupazioni nella produzione dei suoi nuovi processori

Le azioni Intel si sono mosse in una tendenza al ribasso dalla metà di febbraio e il prezzo attuale di questo titolo è di circa 49,8 dollari. Le azioni di questa società rimangono sotto pressione a causa delle preoccupazioni relative ai ritardi nei processi e alla notizia che Microsoft sta lavorando sui propri chip.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Questo dicembre, Microsoft ha riferito di aver iniziato a lavorare su nuovi chip interni per i suoi server cloud e Surface PC. Intel domina i chip per server con circa il 94% della quota di mercato, ma aveva già iniziato a perdere quote nel mercato dei chip per server.

Morgan Stanley ha recentemente annunciato che la società dovrà affrontare una sfida per il 2021 tra le preoccupazioni nella produzione dei suoi nuovi processori. Nonostante ciò, Morgan Stanley ha un rating di pari peso sulle azioni Intel, con un obiettivo di prezzo di 60 dollari.

“I numerosi ritardi nella tecnologia di produzione per entrambi i processori da 10 nm e 7 nm sono stati un ostacolo significativo per l’azienda. L’esternalizzazione della produzione a Taiwan Semiconductor Manufacturing aumenterebbe probabilmente i margini e i flussi di cassa di Intel,” ha affermato Morgan Stanley.

È anche importante ricordare che il terzo punto di Daniel Loeb ha espresso preoccupazione per la quota di mercato dell’azienda e ha avvertito che Intel dovrebbe prendere in considerazione alternative strategiche. Secondo Third Point, queste alternative strategiche dovrebbero includere una potenziale separazione delle attività di produzione di Intel (Third Point ha una quota di quasi 1 miliardo di dollari in Intel).

La notizia positiva è che Intel ha aumentato la guidance per l’intero anno e vede un fatturato di 75,3 miliardi rispetto a 75 miliardi di dollari di indicazioni precedenti. La società ha anche aumentato la stima dell’EPS per l’intero anno da 4,85 a 4,90 dollari, il che conferma la stabilità dell’azienda.

I fondamentali di questa azienda sono molto buoni; la società non dovrà affrontare problemi di flusso di cassa e, al prezzo corrente delle azioni, questa società non è sopravvalutata.

Un consiglio: cerchi un'app per investire oculatamente? Fai trading in tutta sicurezza iscrivendoti alla nostra preferita, eToro: visita e crea un account

Analisi tecnica: il primo segno di inversione di tendenza sarà se il prezzo supererà la resistenza di $60

Dal punto di vista tecnico, le azioni Intel rimangono nel mercato ribassista e il primo segno di inversione di tendenza sarà se il prezzo supererà la resistenza di 60 dollari.

Fonte dati: tradingview.com

I livelli di supporto critici sono 44 e 40 dollari; 52, 56 e 60 dollari rappresentano i livelli di resistenza. Se il prezzo supera i 52 dollari, sarebbe un segnale per acquistare azioni Intel, e il prossimo obiettivo potrebbe essere intorno ai 55 dollari, ma se il prezzo scende al di sotto del livello di supporto di 40 dollari, sarebbe un segnale di “vendita”.

In sintesi

Le azioni Intel rimangono sotto pressione a causa delle preoccupazioni relative ai ritardi nei processi e alla notizia che Microsoft sta lavorando sui propri chip. La notizia positiva è che Intel ha aumentato la guidance per l’intero anno e vede un fatturato di 75,3 miliardi rispetto a 75 miliardi di dollari di indicazioni precedenti.