Ripple prova una versione privata di XRP Ledger per emettere CBDC

Scritto da: Jinia Shawdagor
Marzo 4, 2021
  • Per Ripple, il CBDC Private Ledger affronterà le sfide delle blockchain pubbliche.
  • Il CBDC Private Ledger mira anche a introdurre un'interoperabilità senza precedenti nella finanza.
  • Secondo quanto riferito, la rete avrà un'elevata sicurezza, visto che utilizzerebbe la tecnologia di XRP Ledger.

Ripple ha iniziato a pilotare il CBDC Private Ledger, la versione privata dell’XRP Ledger open source dell’azienda, che offre alle banche centrali una soluzione sicura ma versatile per l’emissione e la gestione delle valute digitali. Un post sul blog ha rivelato questa notizia il 3 marzo, osservando che la versione privata di XRP Ledger sfrutterà la stessa tecnologia blockchain su cui si basa la versione open source. In quanto tale, il design del registro privato CBDC consentirà di facilitare i pagamenti e di emettere valute.

Secondo il post sul blog, questa soluzione mira a semplificare l’emissione di CBDC. Per Ripple, la maggior parte dei CBDC funzionerà su reti blockchain. Sebbene le banche centrali possano facilmente sfruttare le reti disponibili per sviluppare CBDC, la maggior parte delle blockchain non si concentra sui pagamenti. A tal fine, le banche centrali non possono utilizzarli, poiché non sono in grado di gestire l’elevato volume di transazioni che una CBDC richiederebbe.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Spiegando perché le banche centrali dovrebbero abbracciare il registro privato CBDC, Ripple ha detto:

La maggior parte delle blockchain sono registri pubblici, visibili a tutti e aggiornati da un’ampia rete di validatori. Una banca centrale richiede più privacy delle transazioni e controllo sulla propria valuta di quanto possa offrire un ledger pubblico, quindi molto probabilmente sceglierà di creare un CBDC su un libro mastro privato che possa anche operare alla scala richiesta.

La società ha aggiunto che anche le banche centrali avrebbero bisogno di una rete blockchain che sia interoperabile con l’attuale infrastruttura finanziaria.

Affrontare le carenze delle blockchain pubbliche

Per Ripple, il CBDC Private Ledger offrirebbe i volumi di transazioni di cui le banche centrali hanno bisogno. Presumibilmente, la rete sarà in grado di gestire decine di migliaia di transazioni al secondo al momento del lancio. Col passare del tempo, Ripple prevede di poter aumentare questa capacità a centinaia di migliaia di transazioni al secondo.

Il CBDC Private Ledger sfrutterà gli stessi meccanismi di consenso che il registro XRP utilizza per verificare le transazioni. Visto che questo meccanismo non richiede molta energia, Ripple sostiene che il suo processo di verifica è circa 61.000 volte più economico delle blockchain pubbliche che utilizzano un modello di consenso Proof-of-Work (PoW).

Inoltre, il CBDC Private Ledger soddisferebbe elevati standard di sicurezza, consentendo alle banche centrali di mantenere il controllo per personalizzarlo a proprio piacimento, in merito alla privacy e alle esigenze politiche. Assicurando alle banche centrali la sicurezza della rete, Ripple ha affermato che la tecnologia alla base è attiva e funzionante da otto anni e gestisce miliardi di dollari ogni giorno senza incidenti di sicurezza.

Oltre ai vantaggi di cui sopra, il CBDC Private Ledger sarebbe anche sostenuto dalle tecnologie RippleNet e dalla suite di protocolli di Interledger per facilitare servizi ad alto rendimento come i micro-pagamenti.