Dow Jones, S&P 500 e Nasdaq in crescita venerdì dopo tre giorni di ribassi

By: Stanko Iliev
Stanko Iliev
Stanko si dedica a fornire agli investitori informazioni rilevanti che possono utilizzare per prendere decisioni di investimento. Ama la… read more.
on Mar 8, 2021
  • I tre principali indici di Wall Street sono aumentati venerdì dopo tre giorni di cali.
  • In settimana, il Dow Jones è cresciuto dell'1,8%, l'S&P 500 è salito dello 0,8%, il Nasdaq ha perso il 2,1%.
  • L'economia statunitense ha creato più posti di lavoro del previsto a febbraio.

Il mercato azionario degli Stati Uniti ha chiuso bruscamente al rialzo dopo una sessione volatile venerdì, e i tre principali indici di Wall Street si sono ripresi dalle perdite all’inizio della giornata. L’economia statunitense ha creato più posti di lavoro del previsto a febbraio e il rendimento dei Treasury a 10 anni è salito sopra l’1,62% subito dopo i dati sui salari, il livello più alto in oltre un anno.

Gli Stati Uniti hanno aggiunto 379.000 posti di lavoro a febbraio, un dato superiore alle stime, mentre il tasso di disoccupazione è sceso al 6,2%. Secondo gli analisti, tassi di prestito più elevati rendono le azioni speculative meno attraenti e i prossimi giorni potrebbero destare maggiori preoccupazioni per gli investitori del mercato azionario.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

“È probabile che la sottoccupazione eserciti ancora pressioni al ribasso sui salari e quindi anche sull’inflazione, almeno quest’anno e il prossimo”. Non ci aspettiamo che la Fed inizi a rendere la sua politica monetaria meno espansiva riducendo i suoi acquisti di obbligazioni fino a metà 2022″, ha detto Christoph Balz, l’economista di Commerzbank.

Il dollaro USA ha mantenuto la sua forza ed è anche importante ricordare che sabato il Senato degli Stati Uniti ha approvato il pacchetto di stimoli da $1,9 trilioni. Il mercato azionario statunitense ha già proposto un pacchetto di stimoli da $1,9 trilioni, mentre le aspettative di inflazione più elevate probabilmente manterranno alti i rendimenti del debito pubblico.

S&P 500 in rialzo dello 0,8% su base settimanale

Per la settimana, l’S&P 500 (SPX) è avanzato dello 0,8% e ha chiuso a 3.841 punti.

Fonte dei dati: tradingview.com

Se il prezzo supera di nuovo la resistenza di 3.900, sarebbe un segnale di “acquisto” per l’S&P 500, ma se il prezzo scende al di sotto di 3.700 punti, sarebbe un forte segnale di “vendita” e abbiamo la strada aperta a 3.500 punti .

DJIA in crescita dell’1,8% su base settimanale

Il Dow Jones Industrial Average (DJIA) è salito di 564 punti, o dell’1,8%, a 31.496.

Fonte dei dati: tradingview.com

Il Dow Jones Industrial Average rimane in un mercato rialzista, ma se il prezzo scende al di sotto di 30.000 punti, sarebbe un segnale di “vendita” fermo. Gli analisti di Wall Street prevedono un calo delle azioni nel breve termine. Tuttavia, se il prezzo supera di nuovo i 32.000 punti, il prossimo obiettivo potrebbe essere intorno a 32.200 o addirittura 32.500.

Nasdaq Composite in calo del -2,1% su base settimanale

Il Nasdaq Composite (COMP) ha perso il 2,1% su base settimanale e ha chiuso a 12.920 punti.

Fonte dei dati: tradingview.com

Il Nasdaq Composite continua a essere scambiato sotto i 13.000 punti e il rischio di ulteriori cali non è ancora finito. Se il prezzo scende nuovamente al di sotto di 12.500 punti, il prossimo obiettivo potrebbe essere intorno a 12.200 o addirittura 12.000 punti.

In sintesi

Venerdì i tre principali indici di Wall Street sono aumentati dopo una serie di sconfitte di tre giorni, supportati da dati economici ottimisti. Il Dow Jones è salito dell’1,8% per la settimana, l’S&P 500 dello 0,8%, mentre il Nasdaq ha perso il 2,1%. Il mercato azionario statunitense ha già approvato un pacchetto di stimoli da $1,9 trilioni e il potenziale di rialzo per i tre indici principali di Wall Street rimane limitato per ora.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro