Ai crypto exchange in Thailandia è stata vietata la quotazione di Dogecoin (DOGE)

By: Ali Raza
Ali Raza
Ali svolge un ruolo chiave nel team di notizie sulle criptovalute. Ama viaggiare nel tempo libero e gli piace… read more.
on Giu 12, 2021
  • La SEC thailandese ha vietato ai crypto exchange di trattare alcuni crypto asset nel Paese.
  • Il divieto ha interessato token basati su meme, fan token e token non fungibili (NFT).
  • Agli exchange sono stati concessi 30 giorni per conformarsi al nuovo regolamento.

La Securities and Exchange Commission thailandese ha vietato agli exchange di criptovalute di trattare determinati tipi di token.

La SEC thailandese ha emesso alcune linee guida, informando gli exchange di desistere dal quotare quattro diversi tipi di token, che sono: token non fungibili (NFT), fan token, token basati su meme e token emessi dagli exchange.

Gli exchange hanno fino a 30 giorni per conformarsi

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

La SEC ha anche affermato che qualsiasi risorsa crittografica emessa dagli exchange deve essere in linea con le linee guida sulle risorse esistenti e corrispondere alle descrizioni nei loro distinti white paper.

Il regolatore ha anche elencato le conseguenze per qualsiasi borsa che non aderirà alla nuova direttiva. A detta della SEC, i token devono essere rimossi dagli exchange.

Seguendo le nuove regole, il watchdog thailandese ha concesso 30 giorni per aderire alle nuove restrizioni.

Di conseguenza, i token basati su meme come Dogecoin (DOGE/USD) non saranno quotati negli exchange in Thailandia quando entrerà in vigore la nuova restrizione. Così come le opere d’arte e gli oggetti da collezione tokenizzati.

La mossa arriva dopo i rapporti secondo cui Jay Mart, quotato in SET, sta pianificando di lanciare NFT utilizzando nove star e celebrità locali.

Molti credono che la SEC thailandese stia rispondendo al rapporto per cercare di proteggere il mercato dall’overflow di tali token.

Gli NFT sono solitamente tracciati su blockchain e sono considerati non intercambiabili. Negli ultimi mesi, sono diventati metodi sempre più popolari per vendere opere d’arte digitali, con alcune aste che costano milioni di dollari.

Le rigide normative crypto thailandesi

Il segretario generale della SEC thailandese, Ruenvadee Suwanmongkol, ha dichiarato che agli exchange è vietato trattare risorse crittografiche che hanno determinate caratteristiche. Hanno deciso che anche quei token i cui prezzi sono determinati dalle tendenze dei social media non sono consentiti.

Ha aggiunto che anche quei token senza sostanza reale o obiettivi chiari non possono essere scambiati sui crypto exchange.

Il mercato delle criptovalute in Thailandia non è semplice. Il governo ha recentemente proposto di adottare la politica per conoscere le informazioni di base del cliente (KYC) per gli exchange, nel tentativo di ridurre il livello di frodi nel mercato.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro