Laura Martin di Needham: “Non migliora niente per Netflix”

By: Wajeeh Khan
Wajeeh Khan
Wajeeh è un seguace attivo degli affari mondiali, della tecnologia, un avido lettore e ama giocare a ping pong… read more.
on Lug 8, 2021
  • L'analista di Needham dice che Netflix deve affrontare la concorrenza più seria di Discovery e Disney.
  • Afferma che Netflix non è guidato dalla pubblicità e che questa sarà enorme nei prossimi dodici mesi.
  • Sceglie Apple come un commercio di riapertura migliore di Netflix, per il modello di business più adatto.

Netflix Inc (NASDAQ: NFLX) ha sicuramente avuto un grande anno in quanto la pandemia di COVID-19 ha alimentato la domanda di mezzi di intrattenimento al coperto. Il gigante dello streaming ha aggiunto un record di 37 milioni di nuovi abbonati nel 2020 e il titolo è passato da un minimo di 333 dollari dell’anno scorso a marzo a 535 dollari al momento della stesura.

I commenti di Laura Martin su “The Exchange” della CNBC

Tuttavia, le cose stanno per cambiare per Netflix, afferma l’analista senior di Needham Laura Martin, che non vede il titolo come parte del commercio di riapertura. In “The Exchange” della CNBC, ha detto:

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

“Niente sta migliorando per Netflix e non fa parte del commercio di riapertura in quanto non è guidato dalla pubblicità. E la pubblicità sarà fondamentale nei prossimi dodici mesi. Quindi, preferiremmo stare con i titoli tecnologici guidati dalla pubblicità”.

Martin ha anche sottolineato che Netflix ora deve affrontare una concorrenza più seria di Discovery Plus, Disney Plus, Peacock. Tutti questi servizi hanno livelli di prezzo di 6 dollari, che espandono i loro mercati indirizzabili totali. Netflix, d’altra parte, ne ha solo uno, fino al livello di 15 dollari.

Perché a Laura Martin piace Apple più di Netflix?

Secondo l’analista di Needham, Apple è un commercio di riapertura molto migliore perché ha un modello di business più adatto.

“Il genio di Apple è che ha creato uno stock tecnologico e non richiede solo un pedaggio del 30% su ogni app sulla sua piattaforma. Non fa nulla e guadagna il 30% per sempre. Non è vero per Netflix, dove spendono 2 miliardi di dollari in più ogni anno, a malapena in pareggio. Non hanno tasche abbastanza profonde per competere nemmeno con Viacom, che quest’anno spenderà 19 miliardi di dollari in contenuti”.

Ad aprile, Netflix ha dichiarato che i suoi nuovi abbonati a pagamento netti erano molto più bassi del previsto nel primo trimestre. La società da 237 miliardi di dollari ha attualmente un rapporto prezzo/utili di 64,72.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro