DXY: indice del dollaro USA da comprare con il calo delle richieste di sussidio di disoccupazione?

By: Crispus Nyaga
Crispus Nyaga
Crispus è un trader attivo, dove è seguito e copiato su Capital.com. Vive a Nairobi con sua moglie, suo… read more.
on Lug 15, 2021
  • L'indice del dollaro USA è aumentato giovedì dopo la testimonianza del presidente della Fed.
  • L'indice è aumentato dopo i forti numeri iniziali delle richieste di sussidi di disoccupazione negli USA.
  • L'indice potrebbe salire poiché i rialzisti prendono di mira il lato superiore del canale a $92,85.

L’indice del dollaro USA (DXY) si mantiene stabile dopo le ultime richieste di sussidi di disoccupazione e i dati dell’indice manifatturiero negli Stati Uniti. È salito a $92,52, leggermente al di sopra del minimo di mercoledì di $92,25.

Richieste di disoccupazione iniziali negli Stati Uniti

L’economia degli Stati Uniti sta andando a gonfie vele mentre il Paese riapre. Ciò è dimostrato dai numeri economici relativamente forti della nazione. Ad esempio, all’inizio di questo mese, i numeri hanno mostrato che l’economia ha aggiunto più di 850.000 posti di lavoro a giugno, mentre il tasso di disoccupazione è sceso al 5,9%. E questa settimana, i dati hanno rivelato che l’inflazione negli Stati Uniti è salito al livello più alto in più di 13 anni.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

I dati pubblicati giovedì hanno mostrato che le richieste di disoccupazione iniziali del Paese sono scese a 360.000 la scorsa settimana dopo essere salite a 386.000 nella settimana precedente. Questo calo è in linea con le stime. Di conseguenza, il numero di richieste di disoccupazione continuate negli Stati Uniti è diminuito da oltre 3,367 milioni a 3,241 milioni, il livello più basso dall’inizio della pandemia.

Nel frattempo, anche l’indice del dollaro USA ha reagito ai numeri positivi del settore manifatturiero di New York. Secondo la Fed di New York, l’indice manifatturiero dell’Empire State è passato da 17,40 a giugno a 43 a luglio. Questo è stato significativamente più alto della stima mediana di 18. D’altra parte, l’indice manifatturiero della Fed di Philadelphia, tenuto sotto stretta osservazione, è sceso da 30,7 a 21,9.

Il DXY è in aumento anche dopo una testimonianza accomodante di Jerome Powell. Nella sua dichiarazione, il presidente ha affermato che l’inflazione negli Stati Uniti sta aumentando a un ritmo più rapido di quanto la banca si aspettasse. Tuttavia, ha detto che si aspetta di portare avanti il suo piano, come evidenziato negli incontri passati.

Pertanto, la performance dell’indice del dollaro USA è probabile perché gli investitori sono convinti che la Fed diventerà presto aggressiva. Inoltre, la Reserve Bank of New Zealand (RBNZ) e la Bank of Canada (BOC) hanno già iniziato a ridurre i propri acquisti.

Previsione dell’indice del dollaro USA

US dollar index

L’indice del dollaro USA è in una tendenza generale rialzista, come mostrato nel grafico a 4 ore sopra. L’indice è al di sopra della trendline ascendente che collega i livelli più bassi da giugno. È anche al di sopra della media mobile a 25 e 50 giorni, mentre il MACD è al di sopra del livello neutro. Pertanto, l’indice probabilmente continuerà a salire poiché i rialzisti prendono di mira il lato superiore del canale a $92,80.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro