Robinhood: il calo dei prezzi crypto avrà effetti negativi sulle entrate del Q3

By: Ali Raza
Ali Raza
Ali svolge un ruolo chiave nel team di notizie sulle criptovalute. Ama viaggiare nel tempo libero e gli piace… read more.
on Lug 20, 2021
  • Robinhood avverte che le sue entrate nel Q3 del 2021 potrebbero essere inferiori rispetto al solito.
  • La società ha sottolineato che c'è stato un calo significativo nell'attività crypto dopo il calo dei prezzi.
  • Quindi, il Q3 potrebbe vedere guadagni molto inferiori rispetto a quelli precedenti.

Robinhood è uno degli exchange di azioni e criptovalute più popolari in circolazione e all’inizio di quest’anno ha registrato un volume di trading molto elevato. Tuttavia, con la situazione relativa ai prezzi delle criptovalute che è cambiata nel secondo trimestre, la società ha avvertito che le sue entrate trimestrali potrebbero essere significativamente inferiori rispetto a prima.

Robinhood spiega il previsto calo delle entrate

Robinhood ha aggiunto l’avvertimento nel suo emendamento al modulo S-1 che ha presentato alla US SEC ieri, 19 luglio. In esso, la società ha osservato che l’attività commerciale è stata particolarmente elevata all’inizio di quest’anno, a gennaio e febbraio. Tuttavia, con l’avvicinarsi della fine del Q2 di quest’anno, l’attività di trading ha registrato un calo significativo. Data la situazione, la società prevede che le sue entrate nel Q3 del 2021 saranno ancora inferiori a causa della diminuzione dell’attività di trading che sta ancora resistendo.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Naturalmente, questo sarà solo basso rispetto ai massimi record che l’azienda ha visto all’inizio di quest’anno, specialmente quando si tratta di criptovalute. Il fatturato totale dell’azienda ha registrato una crescita su base annua di oltre il 123%. Alla fine del Q2 del 2020, aveva $244 milioni, mentre entro la fine del secondo trimestre del 2021 tale importo è salito tra i $546 milioni previsti e i $574 milioni.

Il primo trimestre del 2021 ha visto fino al 17% delle sue entrate totali provenienti dalle commissioni sulle transazioni crypto. Nel trimestre precedente, la società ha guadagnato solo il 4% delle sue entrate totali da questa fonte. Il primo trimestre del 2021 ha visto anche oltre 9,5 milioni di clienti scambiare circa $88 miliardi in criptovalute e, alla fine del trimestre, la società aveva $12 miliardi in crypto asset detenuti in custodia.

Non solo, ma il 34% di queste entrate trimestrali proveniva direttamente dalle transazioni DOGE/USD, poiché il prezzo del memecoin è salito alle stelle all’inizio del 2021. Robinhood ha avvertito prima che la sua attività potrebbe essere fortemente influenzata se la domanda di Dogecoin diminuisce e nessuna nuova moneta sale sostituiscilo.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro