La senatrice Lummis ha comprato BTC per un valore fino a $100.000 ad agosto

By: Jinia Shawdagor
Jinia Shawdagor
Jinia è un'appassionata di criptovalute e blockchain con sede in Svezia. Ama tutto ciò che è positivo, viaggiare ed… read more.
on Ott 8, 2021
  • Secondo la rivelazione di Lummis, il 16 agosto ha acquistato BTC per un valore tra $50.000 e $100.000.
  • La sua divulgazione non soddisfaceva i requisiti dello STOCK ACT, visto che era in ritardo di una settimana.
  • Secondo un portavoce dell'ufficio di Lummis, il ritardo è stato il risultato di un errore di lancio.

La senatrice pro-crypto Cynthia Lummis ha rivelato di aver comprato una grossa fetta di Bitcoin (BTC/USD). Il rappresentante del Wyoming ha rivelato questa notizia attraverso un rapporto periodico sulle transazioni il 7 ottobre. Secondo il rapporto, il 16 agosto ha acquistato BTC per un valore compreso tra $50.000,00 (£36,784.75) e $100.000,00 (£73.569,50).

Questa divulgazione non rientra nella scadenza di segnalazione del limite di 45 giorni stabilita dalla legge Stop Trading on Congressional Knowledge (STOCK). Questa legge richiede ai membri del Congresso di rivelare l’acquisto e la vendita di singole azioni, obbligazioni e materie prime entro sei settimane dalla transazione.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Lo STOCK ACT, tuttavia, esenta attività come fondi comuni di investimento e buoni del Tesoro dalla finestra di segnalazione di 45 giorni. Invece, i rappresentanti che investono in tali attività devono solo riferire una volta all’anno. I diversi periodi di rendicontazione danno la priorità alla divulgazione di operazioni che potrebbero vedere i membri del Congresso realizzare profitti sfruttando informazioni non pubbliche.

Secondo un portavoce dell’ufficio di Lummis, il ritardo è stato il risultato di un errore di archiviazione. Il portavoce ha inoltre osservato che hanno agito rapidamente dopo aver realizzato l’errore, aggiungendo che hanno lavorato con il comitato etico per correggere l’errore.

Il portavoce ha poi osservato che,

È stato un errore onesto e il problema è stato risolto senza penalità.

All-in su BTC, ma non sulle stablecoin

Questa notizia arriva dopo che la senatrice Lummis ha comprato il suo primo BTC nel 2013, quando la criptovaluta di punta stava cambiando di mano a $330 (£242,86). Nel giugno di quest’anno, la rappresentante esperta di criptovalute ha dichiarato di possedere 5 BTC. Durante il suo acquisto il 16 agosto BTC è stato scambiato a $45,700.32 (£33,624.70) e $47,998.10 (£35,315.32). Pertanto, la sua ricchezza in BTC è attualmente compresa tra 6 e 7 monete.

Sebbene Lummis sia ottimista su BTC, ha recentemente criticato le stablecoin, affermando che dovrebbero essere completamente supportate da riserve di liquidità. Ha aggiunto che solo le istituzioni di deposito, i fondi del mercato monetario o veicoli simili dovrebbero emettere stablecoin. Lummis ha inoltre osservato che le monete ancorate alle fiat in un rapporto 1:1 mancano di trasparenza e dovrebbero essere soggette a controlli regolari.

Secondo Quiver Quantitative, una società di dati che tiene traccia delle attività di trading dei senatori, l’acquisto di Lummis è tra i primi acquisti di criptovalute del Congresso. Prima di lei, il rappresentante della Pennsylvania, il senatore Pat Toomey, ha rivelato di aver acquistato fino a $15.000,00 (£11.029,88) di Grayscale Ethereum Trust (ETHE) il 14 giugno e fino a $15.000,00 (£11.029,88) di Grayscale Bitcoin Trust (GBTC) il 15 giugno.

Nel frattempo, BTC ha ottenuto un notevole recupero da un crash innescato dal divieto assoluto delle criptovalute da parte della Cina. Al momento in cui scriviamo, la moneta viene scambiata a $55.232,31 (£40.613,70) dopo aver guadagnato l’1,27% in 24 ore e il 22% negli ultimi sette giorni.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro