4 titoli tecnologici da acquistare a causa dei sell-off del Coronavirus

Scritto da: Michael Harris
Marzo 14, 2020
  • I mercati azionari globali subiscono la peggiore perdita settimanale dalla crisi finanziaria del 2009.
  • La Fed potrebbe tagliare i tassi nella loro riunione di marzo nel tentativo di sostenere l'attività economica.
  • Microsoft, Nvidia, Adobe e Salesforce dovrebbero superare il resto del mercato azionario una volta ripresesi dall'impatto del Coronavirus.

L’epidemia di Coronavirus ha favorito il peggior sell-off del mercato azionario dalla crisi globale del 2009. L’indice di riferimento S&P 500 ha perso oltre l’11% la scorsa settimana, toccando i livelli più bassi dall’agosto dello scorso anno.

In Europa, il DAX tedesco ha chiuso la settimana con un calo del 12,4%, mentre il CAC 40 francese ha perso l’11,9% e il FTSE 100, che include 100 società quotate alla Borsa di Londra con la più alta capitalizzazione di mercato, ha subito una contrazione dell’11,1%.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Alcuni analisti hanno chiesto alle Federal Reserve di tagliare i tassi di interesse per mitigare l’impatto dell’epidemia di Coronavirus e proteggere l’economia dalla crescente minaccia.

“Il Coronavirus comporta rischi in evoluzione per l’attività economica. La Federal Reserve sta monitorando attentamente gli sviluppi e le loro implicazioni per le prospettive economiche”, ha dichiarato il Presidente della Fed, Jerome Powell.

La dichiarazione di Powell è stata percepita dagli investitori come un suggerimento che la Fed potrebbe tagliare i tassi in occasione della riunione di marzo, e alcuni ritengono che la Fed li taglierà dello 0,5%, raddoppiando la riduzione del tipico taglio dei tassi.

Tassi d’interesse più bassi normalmente aiutano l’attività economica. Warren Buffett, l’investitore più rinomato al mondo, ritiene che il mercato azionario aumenterà il valore delle obbligazioni in un contesto di bassi tassi d’interesse.

“Quello che possiamo dire è che se qualcosa di simile ai tassi attuali dovesse prevalere nei prossimi decenni e se anche le aliquote delle imposte societarie dovessero rimanere vicine al basso livello di cui godono ora le imprese, è quasi certo che le azioni nel tempo otterranno risultati di gran lunga migliori rispetto alle obbligazioni a tasso fisso a lungo termine”, ha detto Buffett nella sua lettera annuale agli azionisti di Berkshire Hathaway.

Il sentimento di Buffett ha trovato eco in molti altri investitori che credono che le azioni siano ancora a buon mercato nonostante l’ennesima bull run. Ecco perché la cessione della scorsa settimana può rivelarsi una benedizione sotto mentite spoglie per gli investitori, soprattutto se l’epidemia di virus rallenta.

“Alla fine pensiamo che le cose potrebbero peggiorare, e forse siamo ancora agli inizi di quella che potrebbe rivelarsi una pandemia”, dice il guru del bond di Vaselkiv, Mark Vaselkik.

“Il titoli ad alto rendimento hanno tenuto molto bene, tranne che per l’energia. Questo ci dice che il mercato è ottimista e che non finirà per far precipitare l’economia in recessione. Le economie sono resistenti. Ne abbiamo passate di peggiori del Coronavirus”, aggiunge.

L’industria tecnologica è uno dei settori a più alto rendimento dell’intero mercato azionario. La maggior parte di questi titoli ha nettamente sovraperformato l’S&P negli ultimi anni e ci si aspetta che si riprenda a un ritmo più rapido rispetto al mercato più ampio.

Qui, condividiamo una lista di 4 azioni sulle quali gli investitori possono puntare nell’attuale ambiente volatile di Wall Street.

Adobe

Adobe è uno dei titoli di maggior valore che si possono possedere oggi. La società, sotto la guida di Shantanu Narayen, si è completamente trasformata da un’azienda tecnologica all’antica a un gigante tecnologico moderno che offre prodotti che vanno dal software confezionato al cloud business.

La base del successo di Adobe è che i suoi prodotti sono considerati essenziali. Ad esempio, i suoi prodotti software sono utilizzati nel settore dell’istruzione, il che limita i clienti dal passare a diversi fornitori a causa delle opportunità di networking.

Il titolo ha perso quasi l’11% questa settimana, anche se è sceso fino al 16% nell’early trading di venerdì.

“A mio parere, Adobe è il migliore tra i cloud, e mi piace che la Morgan Stanley proprio stamattina abbia superato il suo obiettivo di prezzo da 410 a 450 dollari a causa di un sell-off”, ha detto Jim Cramer, ex manager di hedge fund e co-fondatore di TheStreet.com.

Nvidia

Le azioni di Nvidia hanno chiuso la settimana quasi il 15% in meno. La sua performance di questa settimana suggerisce che il titolo sta tenendo un po’ meglio di altri titoli, il che può tradursi in una ripresa più rapida una volta che il mercato inizia a fare trading con un minor grado di avversione al rischio.

Appena due settimane fa, la società tecnologica ha pubblicato risultati trimestrali migliori del previsto, che hanno aiutato il titolo a raggiungere un nuovo record di oltre 316 dollari. Guardando avanti, Nvidia ha detto che si aspetta che l’epidemia di Coronavirus faciliti un colpo del 3% sul suo reddito totale per il prossimo trimestre.

“Semmai, il centro dati crescerà solo quando più persone rimarranno a casa, e il gioco è il massimo dell’intrattenimento a casa”, ha detto Cramer.

Microsoft

Analogamente ad Adobe, la diversificazione del business di Microsoft la rende più immune da potenziali interruzioni in una delle sue unità di business. Uno dei principali fattori alla base delle entrate di Microsoft è Azure, il prodotto cloud-based di Microsoft, che è in ritardo solo rispetto all’AWS di Amazon nel contesto della quota di mercato.

L’azienda ha avvertito mercoledì che è probabile che manchi la sua proiezione iniziale delle entrate per il terzo trimestre fiscale a causa dell’epidemia di Coronavirus. Tuttavia, le azioni della società sono aumentate di circa il 2,5% il venerdì per recuperare una parte delle perdite e limitare le perdite settimanali a meno del 10%.

“Anche se vediamo una forte domanda di Windows in linea con le nostre aspettative, la supply chain sta tornando alla normale operatività a un ritmo più lento di quanto previsto al momento della nostra richiesta di guadagni del secondo trimestre”, ha detto l’azienda in un comunicato.

Salesforce

Le azioni di Salesforce hanno perso un po’ più del 10% questa settimana sulla vendita sui mercati globali. Appena nove giorni fa, il prezzo delle azioni Salesforce ha raggiunto un livello record dopo il battito dei guadagni.

Questa settimana, la società ha riferito che il co-CEO Keith Block si è dimesso. Nonostante il calo iniziale del prezzo del titolo, gli analisti ritengono che questo cambiamento non avrà un grande impatto sul business.

“Per quanto riguarda le azioni, mentre le dimissioni di Block possono sollevare domande sul rischio keyman presso l’azienda, notiamo che la panca è piena di lavoro con il COO Bret Taylor e Adam Selipsky, capo di Tableau, che CRM ha recentemente rilevato”, ha detto Jim Cramer.

Inoltre, Mark Tepper, il Presidente e CEO di Strategic Wealth Partners, ha definito Salesforce “a buon mercato per la crescita che sta ottenendo”.

In sintesi

A causa dell’epidemia di Coronavirus, il mercato azionario globale ha subito il peggior sell-off dalla crisi finanziaria di dieci anni fa. I principali indici europei hanno perso più dell’11% in una sola settimana, mentre i titoli statunitensi hanno subito un calo leggermente migliore.

Tuttavia, si prevede che le azioni delle quattro società sopra elencate si riprenderanno ad un ritmo più rapido rispetto al mercato in generale, grazie alla forza fondamentale del loro business.