USD/JPY non supera i 106$ mentre le tensioni tra USA e Cina aumentano

By: Michael Harris
Michael Harris
Specializzato in economia dal mondo accademico, con una passione per il trading finanziario, Michael Harris ha collaborato regolarmente a… read more.
on Ago 10, 2020
  • È probabile che le crescenti tensioni USA-Cina limitino ulteriori guadagni in USD/JPY.
  • I rialzisti USD/JPY si sono ripresi per forzare un nuovo test del supporto rotto a 106$.
  • Un fallimento in questo caso probabilmente indurrebbe a un calo a 102$ che rimane l'obiettivo dei rialzisti.

Il prezzo USD/JPY non è riuscito finora a superare la resistenza intorno a 106$. Nel complesso, il dollaro USA è salito rispetto all’euro e al franco svizzero poiché gli incentivi fiscali negli Stati Uniti e le crescenti tensioni tra Stati Uniti e Cina hanno catturato l’attenzione degli investitori.

Analisi fondamentale: tensioni in aumento

L’indice del dollaro si sta riprendendo dopo un brutto declino che lo ha fatto scendere del 4% il mese scorso. L’indice si è ripreso lo scorso venerdì dopo che le notizie sull’occupazione hanno attenuato le preoccupazioni per il mercato del lavoro statunitense.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Dopo che le discussioni sul prossimo stimolo fiscale sono fallite, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha firmato l’8 agosto ordini esecutivi per ripristinare parzialmente i sussidi di disoccupazione per milioni di cittadini americani disoccupati.

L’indice del dollaro ha tenuto la sua posizione nella sessione asiatica, ma è salito dell’1% a 93,532 a Londra. I dati settimanali sui futures hanno mostrato che la scorsa settimana gli speculatori hanno aumentato le loro posizioni nette short sul dollaro.

“Un piccolo stimolo è semplicemente meglio di niente. O almeno è questa la visione del mercato, motivo per cui il dollaro USA è scambiato moderatamente più in alto”, ha scritto Thu Lan Nguyen, analista di Commerzbank.

Il recupero del dollaro americano è stato alimentato dall’intensificarsi delle tensioni tra Stati Uniti e Cina, a seguito della decisione di Washington di introdurre sanzioni nei confronti di alti funzionari di Hong Kong e cinesi. La Cina ha reagito alla decisione imponendo sanzioni a 11 cittadini e legislatori statunitensi.

Sabato scorso, i massimi funzionari degli Stati Uniti e della Cina terranno discussioni in teleconferenza per discutere dell’introduzione dell’accordo commerciale Fase 1.

Analisi tecnica: USD/JPY sta testando nuovamente il supporto rotto

Come scritto a luglio, il prezzo USD/JPY è diminuito dopo che è stato attivato il pattern grafico head and shoulders. L’attivazione di questo pattern grafico ribassista ha aperto la porta a un movimento al di sotto di 103$ nel prezzo USD/JPY.

Grafico giornaliero USD/JPY (TradingView)

I rialzisti nel frattempo si sono ripresi per forzare un ritorno al passato, un nuovo test del supporto rotto, che ora funge da resistenza. A giudicare dall’andamento dei prezzi di oggi, gli acquirenti finora non sono riusciti a tentare di superare questo livello. È probabile che un altro fallimento nel superare il prezzo di 106$ costringa a un calo più in basso verso 102$ dove dovrebbe essere completato il modello head and shoulders.

In sintesi

Il dollaro USA è avanzato a seguito delle crescenti tensioni tra Stati Uniti e Cina e della decisione di Washington di ripristinare i pagamenti dei sussidi per disoccupazione. Il prezzo USD/JPY sta ora testando il supporto rotto mentre gli acquirenti tentano di tornare sopra 106$.