USD/JPY calo dopo le decisioni sui tassi della Fed e della BOJ

By: Crispus Nyaga
Crispus Nyaga
Crispus è un trader attivo, dove è seguito e copiato su Capital.com. Vive a Nairobi con sua moglie, suo… read more.
on Set 17, 2020
  • USD/JPY in calo poiché i trader hanno reagito alle decisioni sui tassi della Fed e della Banca del Giappone.
  • La Fed ha lasciato invariate le sue politiche segnalando che i tassi rimarranno così bassi per altri tre anni.
  • Anche la BOJ ha lasciato invariati i tassi e le misure di quantitative easing.

La coppia USD/JPY è scesa bruscamente nella giornata di ieri, sia prima che dopo la decisione sui tassi della Federal Reserve (Fed). Oggi, la coppia ha recuperato alcune di queste perdite poiché i trader hanno riflettuto sulla decisione sui tassi di interesse della Banca del Giappone (BOJ). È attualmente quotata a 105,05, che è leggermente al di sopra del minimo di stanotte pari a 104,80.

USD/JPY
USD/JPY reagisce alle decisioni della Fed e della BOJ

Decisione sui tassi della Fed

Nella sua attenta decisione sui tassi, la Fed ha deciso di lasciare invariati i tassi di interesse negli Stati Uniti. La decisione è in linea con quanto si aspettavano gli analisti intervistati da Reuters e CNBC. È in linea anche con la precedente dichiarazione di Jerome Powell sui futuri aumenti dei tassi.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

La banca ha inoltre lasciato invariato il ritmo costante degli acquisti di asset (allentamento quantitativo) mentre continua a sostenere l’economia. Nel suo dot plot, 13 dei 17 membri si aspettano che la banca lascerà i tassi a questo livello almeno fino al 2023. Nella dichiarazione allegata, la Fed ha affermato che non avrà fretta di aumentare i tassi di interesse anche dopo che il tasso di l’inflazione supererà il 2%.

L’economia statunitense ha registrato una forte ripresa negli ultimi mesi. In effetti, ha recuperato più velocemente di quanto previsto dalla banca. Ma questo recupero è tutt’altro che completo, come dimostrano i dati recenti. Ieri, i dati dagli Stati Uniti hanno mostrato che la crescita delle vendite al dettaglio è diminuita ad agosto dopo la fine dei sussidi di disoccupazione extra di 600$. E all’inizio di questo mese, i dati hanno mostrato che l’economia ha aggiunto solo 1,37 milioni di posti di lavoro, un dato inferiore agli 1,4 milioni che gli analisti si aspettavano.

La coppia USD/JPY reagirà in pomeriggio anche ai dati sulle richieste di sussidio di disoccupazione provenienti dagli Stati Uniti, oltre che alle nuove case, ai permessi di costruzione e all’indice di produzione della Fed di Philadelphia.

La Banca del Giappone lascia i tassi invariati

L’USD/JPY è salito leggermente dopo che la Banca del Giappone ha emesso la sua decisione sui tassi. Come la Fed, la BOJ ha lasciato intatte le sue misure politiche. Ha lasciato il tasso di interesse invariato a meno 0,1% come la maggior parte degli analisti si aspettava. Ha inoltre continuato con il suo programma di controllo della curva dei rendimenti. Questo è un programma in cui la banca acquista quanti più asset possibile nel tentativo di mantenere a zero il rendimento dei titoli del Tesoro decennali.

Nella dichiarazione, la banca ha affermato di essere soddisfatta del ritmo della ripresa in corso, sostenuto dalla BOJ e dal governo. Nella dichiarazione, Hurohiko Kuroda ha evidenziato:

“La banca continuerà con l’allentamento monetario quantitativo e qualitativo tramite il controllo della curva dei rendimenti, con l’obiettivo di raggiungere l’obiettivo di stabilità dei prezzi del 2%, purché sia necessario per mantenere tale obiettivo in modo stabile”.

La decisione della BOJ è arrivata il giorno dopo che il Giappone ha nominato un nuovo primo ministro, Yoshihide Suga. Il ministro a lungo termine ha sostituito Shinzo Abe, che si è dimesso per motivi di salute.

Previsioni tecniche USD/JPY

USD/JPY
Grafico tecnico USD/JPY

La coppia USD/JPY è quotata a 105,05, che è leggermente al di sotto delle medie mobili esponenziali a 50 e a 25 giorni. Il prezzo è anche leggermente inferiore al livello di ritracciamento di Fibonacci del 38,2%. Inoltre, il prezzo è inferiore alla tendenza arancione discendente. Ma è anche al di sopra dell’importante supporto a 104,11. Pertanto, sospetto che la coppia continuerà a scendere poiché i ribassisti mirano a questo supporto.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro