Soluzione DLT per aiutare le banche a digitalizzare gli strumenti finanziari

By: Jinia Shawdagor
Jinia Shawdagor
Jinia è un'appassionata di criptovalute e blockchain con sede in Svezia. Ama tutto ciò che è positivo, viaggiare ed… read more.
on Ott 30, 2020
  • ITFA lancia le specifiche dDOC per digitalizzare garanzie e strumenti negoziabili.
  • Traccia di Enigio: original è la prima tecnologia conforme alle specifiche dDOC.
  • Secondo quanto riferito, il framework utilizzerà la blockchain come prova della verità, non per archiviare dati.

L’International Trade and Forfaiting Association (ITFA) ha rilasciato le specifiche dDOC per aiutare le banche a digitalizzare i propri strumenti finanziari, come garanzie e cambiali. Il presidente del comitato ITFA FinTech, André Casterman, ha condiviso queste informazioni attraverso un breve rapporto sulla DLT in azione.

Nella pubblicazione, Casterman ha continuato a divulgare i dettagli sullo stato di avanzamento dell’iniziativa DNI dal suo lancio nel terzo trimestre del 2019. Secondo lui, le specifiche dDOC descrivono come utilizzare la tecnologia avanzata dei documenti per produrre, gestire e condividere documenti originali digitali.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Spiegando perché è necessario pubblicare le specifiche dDOC, il presidente di ITFA, Sean Edwards, ha affermato:

“In qualità di principale associazione di finanza commerciale, ITFA incoraggia le autorità di regolamentazione ad aprirsi a nuove tecnologie come il cloud computing, le firme digitali e la tecnologia di ledger distribuito. Pubblichiamo oggi le specifiche dDOC come framework indipendente dal vendor per digitalizzare garanzie e strumenti negoziabili utilizzando un mix di tecnologie avanzate. Stiamo lavorando con le banche che adottano in anticipo e con una serie iniziale di regolatori in tutto il mondo per adattare le politiche alle pratiche digitali.”

Unione di tre tecnologie

Secondo quanto riferito, ITFA ha progettato le specifiche dDOC attorno a tre elementi costitutivi. Si tratta del contenitore digitale, sviluppato utilizzando contratti ricardiani e JavaScript Object Notation (JSON), firme e timbri elettronici e DLT (shared public distributed ledger technology), che funge da notaio digitale.

Secondo ITFA, la fusione delle tecnologie di cui sopra si traduce nella produzione di documenti originali e portatili compatibili con qualsiasi capacità software e meccanismo di trasporto esistenti o futuri. L’organizzazione ha continuato a notare che le specifiche dDOC incorporerebbero spesso la blockchain, ma solo come prova di verità, non come dati aziendali di archiviazione.

Spiegando come funzionano le specifiche dDOC, Casterman ha affermato che le banche necessitano di tecnologie che si integrino perfettamente con quelle esistenti come applicazioni di back-office, portali di front-office e canali di comunicazione.

Ha aggiunto che il PMI apprezzerà le specifiche dDOC in quanto preferiscono adottare le tecnologie che le banche scelte offrono loro. Inoltre, la digitalizzazione degli effetti cambiari e delle garanzie attraverso i portali di e-banking è un frutto poco imponente per gli originator focalizzati sul PMI. Pertanto, qualsiasi fornitore di tecnologia conforme a dDOC aiuterà a raggiungere questa impresa con un metodo white label.

Una partnership strategica con Enigio

Secondo quanto riferito, ITFA aveva bisogno di un partner che fornisse i requisiti tecnici per sostenere la propria tecnologia. Pertanto, l’organizzazione si è unita a Enigio per sfruttare la traccia dell’azienda: prodotto originale come soluzione che aiuta a tracciare e proteggere la proprietà dei documenti originali.

Commentando la fattibilità della loro tecnologia, il CEO di Enigio, Göran Almgren, ha dichiarato:

“Siamo fiduciosi che la nostra traccia basata su DLT: la soluzione originale fornisca il percorso di aggiornamento più efficace dai documenti fisici agli originali digitali, poiché la nostra tecnologia non solo imita i flussi di documenti fisici odierni, ma offre anche i più alti livelli di sicurezza, integrità e tracciabilità.”

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro