Il prezzo del greggio aumenta tra l’ottimismo dei vaccini e l’imminente incontro OPEC+

Scritto da: Faith Maina
Novembre 23, 2020
  • Brent e WTI sono aumentati, superando rispettivamente i livelli di prezzo di 45$ e 43$.
  • La vaccinazione contro il COVID-19 negli Stati Uniti dovrebbe iniziare da metà dicembre.
  • L'OPEC+ dovrebbe fare ulteriori riduzioni dei tagli all'offerta di petrolio per i primi 3 mesi del 2021.

Il prezzo del greggio sta scoppiando al rialzo. Il Brent ha superato il livello di 45$ arrivando a 45,78$. Allo stesso modo, il WTI ha superato il livello di 43$ attestandosi a 43,03$. Gli investitori stanno reagendo alle notizie positive sul possibile avvio delle procedure di vaccinazione contro il coronavirus a metà dicembre. Inoltre, è prevista una riunione OPEC+ per l’inizio della prossima settimana. Gli analisti si aspettano che gli Stati membri mantengano ulteriori tagli all’offerta di petrolio per i primi 3 mesi del 2021.

Prezzo del petrolio greggio

Il mercato del greggio è ottimista sull’inizio dei vaccini contro il coronavirus

C’è un maggiore ottimismo sul fatto che le vaccinazioni contro il coronavirus negli Stati Uniti inizieranno tra meno di un mese; che è una buona notizia per coloro che cercano di acquistare petrolio greggio. Il 18 novembre, Pfizer Inc. (NYSE: PFE) e Biontech SE (NASDAQ: BNTX) ha annunciato di aver finalizzato la studio di fase 3 del suo vaccino candidato.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Venerdì scorso, le aziende hanno chiesto l’autorizzazione all’uso d’emergenza del vaccino. Successivamente, il comitato consultivo della FDA ha annunciato che terrà una riunione il 10 dicembre. Una volta che la FDA approverà la presentazione di Pfizer, è probabile che la vaccinazione inizi dal giorno successivo.

Parlando dello stato di avanzamento del vaccino, Moncef Slaoui, capo dell’operazione Warp Speed della Casa Bianca, ha dichiarato: “Il nostro piano è di essere in grado di spedire i vaccini ai siti di immunizzazione entro 24 ore dall’approvazione, quindi mi aspetto che forse il giorno due dopo l’approvazione, l’11 o 12 dicembre, si spera, le prime persone saranno immunizzate negli Stati Uniti”.

Slaoui ha inoltre indicato che un gruppo di esperti si riunirà il 17 dicembre per quanto riguarda il vaccino Moderna. Secondo il funzionario del governo degli Stati Uniti, Moderna richiederà l’autorizzazione per l’uso di emergenza del suo vaccino entro la fine di novembre.

Inoltre, il vaccino dell’Università di Oxford ha dimostrato un’efficacia del 70% nella prevenzione del virus. Quest’ultimo prodotto è più economico e si prevede che raggiungerà una popolazione globale più ampia rispetto a quella di Pfizer e Moderna.

I progressi nella vaccinazione COVID-19 sono stati accolti positivamente nei mercati del petrolio greggio. I rialzisti prevedono che i vaccini significheranno una maggiore domanda per la merce; un aspetto che ha portato all’aumento del prezzo del greggio.

Un consiglio: cerchi un'app per investire oculatamente? Fai trading in tutta sicurezza iscrivendoti alla nostra preferita, eToro: visita e crea un account

È probabile che l’OPEC+ mantenga i tagli all’offerta di petrolio

OPEC+ ha un incontro in programma il 30 novembre, che si concluderà l’1 dicembre. Durante questo forum, le principali nazioni produttrici di petrolio pianificano di rivedere la politica di taglio della produzione di petrolio e altre strategie correlate. L’OPEC+ aveva deciso di ripristinare il taglio sulla fornitura di greggio di 9,7 milioni di barili al giorno a partire dall’1 maggio. Quest’ultimo gruppo ha ridotto la cifra a 7,7 milioni di barili al giorno lo scorso agosto.

Nel prossimo incontro, i Paesi valuteranno l’opzione di ridurre ulteriormente i tagli all’offerta per i primi 3 mesi del 2021. Se gli Stati membri decidono di resistere ai tagli alla produzione di petrolio, è probabile che si verifichi una carenza di offerta e un conseguente aumento nel prezzo del petrolio greggio. La carenza di offerta potrebbe essere aggravata dalle crescenti tensioni in Medio Oriente. Oggi, il gruppo Houthi ha affermato di aver lanciato un missile contro la struttura di Saudi Aramco a Gedda.