Azioni General Motors in rialzo dopo la scelta all-in sui veicoli elettrici

Scritto da: Michael Harris
Novembre 26, 2020
  • L'analista della Morgan Stanley, Adam Jonas, ha aumentato il target price a 53$ per azione da 44$.
  • Il massimo di ieri di 46,71$ è appena inferiore al massimo storico di 46,76$ registrato più di 3 anni fa.
  • Una presa di profitto probabilmente causerà un ritiro del prezzo delle azioni verso i 40$.

Le azioni della casa automobilistica statunitense General Motors (NYSE: GM) sono aumentate di quasi il 4% nella giornata di ieri dopo che la società ha dichiarato che si ritirerà dalla battaglia legale per vietare alla California di stabilire i propri standard di risparmio di carburante.

Analisi fondamentale: All-in sugli EV

L’azienda ha inviato una lettera ai gruppi ambientalisti per informarli della decisione di rinunciare al sostegno per la causa. Invece, il CEO Barra ha affermato che la casa automobilistica sosterrà gli sforzi del presidente eletto Joe Biden per aumentare l’uso di auto elettriche (EV).

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

“Riteniamo che gli ambiziosi obiettivi sull’elettricità del Presidente eletto, della California, e di General Motors siano allineati, per affrontare il cambiamento climatico riducendo drasticamente le emissioni delle automobili,” ha scritto Barra in una lettera.

Altre case automobilistiche che hanno sostenuto Trump, come la Toyota, stanno valutando i loro prossimi passi.

“Date le mutevoli circostanze, stiamo valutando la situazione, ma rimaniamo impegnati nel nostro obiettivo di un insieme coerente e unitario di standard di risparmio di carburante applicabili in tutti i 50 Stati”, ha scritto Toyota in una dichiarazione.

In questo senso, GM si è impegnata ad aumentare gli investimenti nella tecnologia dei veicoli elettrici. Si dice anche che ora stia lavorando per produrre una nuova chimica della batteria per ridurre i costi di produzione delle auto elettriche.

Ciò ha spinto gli analisti ad aumentare le loro prospettive su GM, con l’analista di Morgan Stanley Adam Jonas che ha alzato l’obiettivo di prezzo a 53,00$ per azione dai precedenti 44,00$.

“Niente ibridi. Niente Europa. Allocare 27 miliardi di dollari per investimenti in veicoli elettrici entro il 2025 con un piano per lanciare 30 modelli di veicoli elettrici entro il 2025. GM prevede la parità di costo di ICE ed EV entro la metà del decennio con 1 milione di veicoli elettrici entro il 2025 e i costi dei veicoli elettrici in calo del 60% entro la metà del decennio. GM ha un vantaggio rispetto ad altri OEM tradizionali nella corsa per veicoli elettrici su larga scala e una chiara strategia per arrivarci,” ha detto l’analista in una nota inviata ai clienti.

Un consiglio: cerchi un'app per investire oculatamente? Fai trading in tutta sicurezza iscrivendoti alla nostra preferita, eToro: visita e crea un account

Analisi tecnica: nuovi record quasi raggiunti

Il massimo di ieri di 46,71$ è arrivato poco meno del massimo storico di 46,76$ raggiunto più di 3 anni fa. Il prezzo delle azioni GM è in crisi da agosto, ma riguadagnato circa l’85% in meno di quattro mesi.

Grafico giornaliero delle azioni GM (TradingView)

Gli acquirenti sembrano determinati a spingere l’azione dei prezzi verso nuovi massimi storici. Ciò che potrebbe seguire, in quel caso, è una presa di profitto che creerà un pullback del titolo verso i 40$.

In sintesi

General Motors ha evidenziato che non sosterrà l’amministrazione Trump nella causa contro la California e aumenterà i suoi investimenti nella produzione di veicoli elettrici.