AUD/USD testa resistenza chiave mentre il dollaro USA scende ai minimi del 2018

Scritto da: Crispus Nyaga
Dicembre 2, 2020
  • La coppia AUD/USD è prossima a un breakout rialzista a causa della debolezza del dollaro USA.
  • L'indice del dollaro USA è crollato al livello più basso dal 2018.
  • Il PIL australiano è risalito del 3,3% dopo essere sceso del 7% nel Q2.

Il prezzo dell’AUD/USD è aumentato di oltre lo 0,15% poiché un dollaro USA più debole converge con dati economici forti dall’Australia. È quotato a 0,7382, che è di qualche pips superiore al minimo di ieri di 0,7342.

AUD/USD
AUD/USD ha registrato una tendenza al rialzo

Il dollaro USA crolla

Il dollaro USA è crollato nel trading notturno poiché le speranze di un nuovo stimolo negli Stati Uniti e i segnali di un vaccino Covid hanno allontanato gli investitori dal biglietto verde. I resoconti dei media hanno suggerito che Steve Mnuchin e Nancy Pelosi erano in stretto accordo su uno stimolo fiscale limitato per sostenere l’economia.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Uno stimolo è spesso visto come negativo per il dollaro USA perché riduce i rischi complessivi di una maggiore contrazione.

Il dollaro è diminuito anche quando i Paesi hanno iniziato a prepararsi a emettere colpi di vaccinazione Covid. Questo dopo che i principali produttori, tra cui Moderna (NASDAQ: MRNA) e Pfizer, hanno annunciato ottimi risultati sui loro vaccini.

Inoltre, il dollaro è diminuito dopo che l’Institute of Supply Management (ISM) ha pubblicato i dati PMI manifatturieri. Il PMI è sceso a 57,5 a novembre dal precedente 59,3. Quella diminuzione è stata peggiore del 58,0 che gli analisti si aspettavano.

L’indice del dollaro è sceso a 91,15$, il minimo da aprile 2018.

L’indice del dollaro USA è in caduta libera
Un consiglio: cerchi un'app per investire oculatamente? Fai trading in tutta sicurezza iscrivendoti alla nostra preferita, eToro: visita e crea un account

L’economia australiana si è ripresa nel Q3

L’AUD/USD è in aumento anche a causa dei dati economici complessivamente forti dall’Australia. Secondo l’ufficio statistico, l’economia è cresciuta del 3,3% nel Q3 dopo essere scesa del 7,0% nel Q2. Ciò è accaduto quando il Paese ha riaperto e l’attività commerciale è aumentata.

Questo aumento è dovuto principalmente ai consumi delle famiglie, aumentati del 7,9%. La spesa per servizi è aumentata del 9,8% mentre le merci sono aumentate del 5,2%. Caffè e ristoranti hanno registrato buoni risultati grazie all’allentamento delle restrizioni.

Nel trimestre, la retribuzione dei dipendenti è aumentata del 2,3% mentre il rapporto tra risparmio delle famiglie e reddito è sceso al 18,9%. Le spese in conto capitale sono diminuite dello 0,1% poiché le aziende sono passate alla conservazione del capitale.

Il più grande ritardo per l’economia australiana è stato Victoria e Melbourne, che hanno vissuto una nuova ondata a settembre. Ciò ha portato a una contrazione del 9,8% dell’economia del Victoria.

Prospettive tecniche AUD/USD

AUD/USD
Grafico tecnico AUD/USD

Sul grafico giornaliero, vediamo che l’AUD/USD è solo di pochi pips sotto il massimo da inizio anno di 0,7411. La coppia è stata anche su una tendenza al rialzo dopo aver formato un double bottom a 0,700 il 2 novembre. Il forte trend rialzista è supportato dalle medie mobili a breve e lungo termine. Puoi saperne di più sull’analisi tecnica nei nostri corsi gratuiti di trading forex.

Pertanto, come ha già fatto la coppia EUR/USD, c’è la possibilità che la coppia salga e possibilmente raggiunga 0,7450.