La domanda istituzionale di Bitcoin sale alle stelle mentre i dati tecnici indicano una forte correzione

By: Konstantin Anissimov
Konstantin Anissimov
Konstantin Anissimov è il direttore esecutivo dell'exchange internazionale di criptovalute CEX.IO. Ha conseguito il programma Executive MBA presso l'Università… read more.
on Dic 2, 2020
  • Bitcoin è salito a un nuovo massimo storico con la domanda istituzionale alle stelle.
  • BTC è ora considerato una riserva di valore tra alcuni dei miliardari più importanti del mondo.
  • Indipendentemente da questi sviluppi positivi, Bitcoin sembra pronto per una picchiata.

Bitcoin è salito a un nuovo massimo storico per la prima volta dalla metà di dicembre 2017. Mentre l’interesse tra gli investitori istituzionali sale alle stelle, un particolare indicatore tecnico indica un forte calo prima di ulteriori guadagni.

Gli investitori istituzionali non ne hanno mai abbastanza

Bitcoin era considerato uno strumento finanziario speculativo utilizzato dai trader al dettaglio per guadagnare rapidamente. Questo è stato visto durante l’intera corsa al rialzo 2015-2017 quando i prezzi sono saliti alle stelle di quasi il 10.000%. Durante questo periodo di due anni, la criptovaluta pioniera è passata da un minimo di 200 dollari a un massimo di quasi 20.000 dollari.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Ora, sembra che il ciclo rialzista in corso sia guidato da investitori istituzionali che utilizzano Bitcoin come riserva di valore.

Il leggendario gestore americano di hedge fund Stanley Druckenmiller è uno dei tanti miliardari che hanno confessato di possedere un numero significativo di BTC. Druckenmiller ritiene che questa nuova asset class presenti migliori caratteristiche di rifugio sicuro rispetto all’oro in quanto è più sottile e meno liquido, con un beta più elevato.

La crescente domanda di Bitcoin tra i grandi player può essere vista anche da una prospettiva on-chain. Da quando la tendenza al rialzo in corso è iniziata all’inizio di ottobre, il numero di transazioni di grandi dimensioni con un valore di 100.000 dollari o superiore ha visto un aumento costante.

L’11 ottobre, ci sono state circa 9.800 transazioni di grandi dimensioni sulla rete Bitcoin. Oggi, questa metrica si aggira intorno a 20.000 transazioni di grandi dimensioni, rappresentando un aumento del 105% in questo breve periodo. Un tale trend rialzista è un chiaro segnale che la fiducia in BTC sta aumentando tra gli investitori istituzionali.

Nonostante la crescente domanda per la criptovaluta di punta, un noto indice tecnico di Wall Street suggerisce che una correzione sta per iniziare.

Analisi tecnica: Bitcoin sembra pronto a correggere

Il Tom Demark (TD) indicatore sequenziale di un segnale di vendita sul grafico mensile Heikin-Ashi di Bitcoin. La formazione ribassista si è sviluppata sotto forma di una barra verde di nove. Questo tipo di modello tecnico suggerisce che Bitcoin potrebbe essere vincolato a una correzione da una a quattro barre mensili prima che la corsa al rialzo riprenda.

Sulla base dei dati storici, l’impostazione del TD è stata estremamente accurata nel prevedere i massimi locali sulla tendenza di BTC. Ha anche presentato un segnale di vendita a dicembre 2017, poco prima dell’inizio del mercato orso 2018. Per questo motivo, l’attuale previsione deve essere presa sul serio, nonostante l’azione rialzista dei prezzi osservata negli ultimi mesi.

Misurando l’indicatore di ritracciamento di Fibonacci dal minimo di dicembre 2018 di 3.150 dollari al recente massimo storico di 19.837 dollari, è possibile definire più obiettivi.

Sulla base di questo indicatore tecnico, un picco negli ordini di vendita intorno agli attuali livelli di prezzo potrebbe spingere Bitcoin a 16.300 dollari. Ma se la pressione di vendita è abbastanza forte, i prezzi potrebbero scendere verso la prossima area critica di supporto, intorno a 13.500 dollari.

Anche se la configurazione del TD suggerisce che Bitcoin è pronto a ritracciare, il recente massimo di 19,837 dollari deve reggere per convalidare l’outlook ribassista. In caso contrario, probabilmente si verificherà un’impennata della pressione al rialzo alimentata da uno stato di FOMO tra gli investitori. Superare questa barriera di resistenza potrebbe vedere BTC mirare a 24.500 o anche 30.000 dollari.

Livelli di prezzo chiave da tenere d’occhio

Dati gli alti livelli di speculazione intorno a Bitcoin, non è chiaro quando avverrà una forte correzione. Nel 2017, quando BTC stava cercando di superare il massimo storico del 2013 di 1.200 dollari, ha brevemente violato questo traguardo, solo per poi prendere una picchiata del 32%. Se la storia si ripete, un’azione sui prezzi simile potrebbe svilupparsi ora.

Una correzione del 30% dal recente massimo di 19.837 dollari potrebbe vedere la criptovaluta bellwether scendere intorno a 13.000 dollari come menzionato nell’analisi precedente. Tuttavia, troppi analisti prestano attenzione a questo frattale, che ne diminuisce l’efficacia. Per questo motivo, è fondamentale attendere che una candela giornaliera si chiuda al di sopra della resistenza overhead, poiché potrebbe aiutare a invalidare l’outlook ribassista.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro