Dow Jones, S&P 500 e Nasdaq a livelli record in attesa di un nuovo stimolo fiscale

By: Stanko Iliev
Stanko Iliev
Stanko si dedica a fornire agli investitori informazioni rilevanti che possono utilizzare per prendere decisioni di investimento. Ama la… read more.
on Dic 7, 2020
  • Nella settimana, il Dow Jones è cresciuto dell'1,03%, l'S&P 500 dell'1,67% e il Nasdaq del 2,12%.
  • La lenta crescita dell'occupazione ha aumentato le aspettative degli investitori per un nuovo stimolo fiscale.
  • Gli USA hanno aggiunto 245.000 nuovi posti di lavoro a novembre, molto peggio dei 469.000 previsti.

Gli indici azionari statunitensi sono avanzati su base settimanale, poiché i dati che mostrano la crescita dell’occupazione negli Stati Uniti più lenta in sei mesi hanno aumentato le aspettative degli investitori per un nuovo stimolo fiscale. Venerdì scorso, gli Stati Uniti hanno pubblicato il rapporto sui salari non agricoli, che mostrava che il Paese ha aggiunto solo 245.000 nuovi posti di lavoro a novembre.

Il dato è al di sotto delle aspettative, ma il tasso di disoccupazione è sceso al 6,7%. A novembre, notevoli aumenti di posti di lavoro si sono verificati nei trasporti, nei servizi alle imprese e nella sanità, mentre la disoccupazione è diminuita nel governo e nel commercio al dettaglio.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

“Il rapporto Jobs mostra che la ripresa economica è in stallo e avverte che il” buio inverno “aggraverebbe il dolore a meno che il Congresso degli Stati Uniti non approvi immediatamente una proposta di legge sul coronavirus”, ha detto il presidente eletto Joe Biden.

Il Dow Jones Industrial Average, l’S&P 500 e il Nasdaq hanno raggiunto nuovi massimi record la scorsa settimana, ma l’attuale rapporto rischio/rendimento non è buono per gli investitori a lungo termine, a mio parere. La correzione del mercato azionario statunitense potrebbe essere dietro l’angolo, ma i mercati sono ancora ottimisti sulle prospettive economiche globali per il 2021.

Gli Stati Uniti hanno recentemente segnalato oltre 216.000 nuovi casi in un giorno, ma gli investitori sono rimasti ottimisti, principalmente sulla base dei piani di vaccinazione contro il coronavirus. Le approvazioni del vaccino COVID-19 rimangono al centro dell’attenzione per gli investitori e sperano che la FDA approverà il vaccino contro il coronavirus entro la metà di dicembre.

S&P 500 in rialzo dell’1,67% su base settimanale

Per la settimana, S&P 500 (SPX) ha registrato un aumento dell’1,67% e ha chiuso a 3.699 punti.

Fonte dei dati: tradingview.com

I livelli critici di supporto sono 3.500 e 3.400 punti, mentre invece 3.700 e 3.800 rappresentano i livelli di resistenza. Se il prezzo supera i 3.700 punti, sarebbe un segnale di “acquisto” per l’S&P 500, ma se il prezzo scende al di sotto di 3.500 punti, sarebbe un segnale di “vendita” con la strada aperta a 3.400 punti.

DJIA in rialzo dell’1,03% su base settimanale

Per la settimana, il Dow Jones Industrial Average (DJIA) ha guadagnato l’1,03% e ha chiuso a 30.218 punti.

Fonte dei dati: tradingview.com

L’attuale rapporto rischio/rendimento non è buono per gli investitori a lungo termine, ma finché il DJIA è superiore a 28.000 punti, questo indice rimane in un mercato rialzista. Se il prezzo supera i 31.000 punti, sarebbe un segnale di acquisto per Dow Jones Industrial Average (DJIA) con la strada aperta a 32.000 punti.

Questo indice è quotato a livelli record, ma se il prezzo scende al di sotto di 29.000 punti, sarebbe un segnale di “vendita” deciso con la strada aperta a 28.000 punti.

Nasdaq Composite in rialzo del 2,12% su base settimanale

Il Nasdaq Composite (COMP) è avanzato del 2,12% su base settimanale e ha chiuso a 12.464 punti.

Fonte dei dati: tradingview.com

La linea di tendenza sul grafico sopra rappresenta un livello di supporto stabile, se il prezzo rompe questa linea di tendenza sarebbe un forte segnale di “vendita”, con la strada aperta a 11.000 punti (anche questo è un forte livello di supporto). Finché il prezzo è al di sopra di questa linea di tendenza e di 11.000 punti, questo indice è nella zona di “acquisto” e non vi è alcuna indicazione dell’inversione di tendenza.

In sintesi

Gli indici azionari statunitensi sono avanzati su base settimanale, poiché i dati che mostrano la crescita dell’occupazione negli Stati Uniti più lenta in sei mesi hanno aumentato le aspettative degli investitori per un nuovo stimolo fiscale. Secondo il comunicato ufficiale, gli Stati Uniti hanno aggiunto 245.000 nuovi posti di lavoro a novembre, molto peggio dei 469.000 previsti. La notizia positiva è che il tasso di disoccupazione nello stesso periodo è sceso al 6,7% dal 6,9%. Il Dow Jones Industrial Average, l’S&P 500 e il Nasdaq hanno raggiunto nuovi massimi record la scorsa settimana, ma l’attuale rapporto rischio/rendimento non è buono per gli investitori a lungo termine, a mio parere.