Prezzi del greggio ai massimi di 9 mesi dopo il calo delle scorte negli USA

By: Faith Maina
Faith Maina
Faith si sforza di scomporre gli sviluppi complessi in modo che gli investitori possano prendere decisioni più consapevoli. Quando… read more.
on Dic 17, 2020
  • Prezzi del petrolio greggio al massimo di 9 mesi con i futures WTI e Brent rispettivamente a 48,52$ e 51,78$.
  • Le scorte di petrolio greggio degli Stati Uniti sono diminuite di 3,135 milioni di barili.
  • La decisione della Fed su tassi e prospettive economiche ha alimentato i prezzi del greggio.

I prezzi del petrolio greggio hanno toccato il massimo di 9 mesi. Alle 07:30 GMT, i future sul greggio WTI erano in rialzo dell’1,35%, con una quotazione di 48,52$ al barile. Allo stesso modo, i future sul greggio Brent sono aumentati dell’1,41% a 51,78$ al barile. Lo slancio al rialzo della commodity è una reazione al calo delle scorte petrolifere statunitensi. Inoltre, la decisione accomodante della Fed e le speranze di un pacchetto di stimoli hanno contribuito al rialzo dei prezzi del greggio.

Prezzi del petrolio

Gli USA rilevano un calo delle scorte di petrolio greggio

I prezzi del petrolio stanno reagendo ai dati rialzisti rilasciati ieri dall’Energy Information Administration. Secondo l’agenzia, le scorte di petrolio greggio degli Stati Uniti sono diminuite di 3,135 milioni di barili nell’ultima settimana. La cifra era superiore al calo previsto dagli esperti di 1.937 milioni di barili. Nella settimana precedente, le scorte erano aumentate di 15,189 milioni di barili.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Allo stesso tempo, le scorte di benzina sono aumentate di 1,020 milioni di barili, un valore migliore dei previsti 1,614 milioni di barili. Nel precedente comunicato stampa, le scorte erano aumentate di 4.222 milioni di barili.

Inoltre, le scorte settimanali di distillati sono aumentate di 0,167 milioni di barili, in calo rispetto ai 5,222 milioni di barili della settimana precedente. Gli analisti avevano previsto una lettura di 0,886 milioni di barili. Per i rialzisti che cercano di acquistare petrolio, i dati sono un segno di una crescente domanda di petrolio greggio.

La decisione negativa della Fed alimenta i prezzi del greggio

Anche gli investitori nel mercato del petrolio greggio stanno reagendo alla decisione della Federal Reserve rilasciata mercoledì. La banca centrale ha annunciato che lascerà invariate le misure di risposta alla pandemia emanate.

Proprio come avevano previsto gli analisti, i tassi di interesse rimarranno gli stessi nell’intervallo 0,0% – 0,25%. Inoltre, la banca ha mantenuto il suo impegno nel programma di acquisto di obbligazioni. La Fed acquisterà obbligazioni per circa 120 miliardi di dollari al mese. Secondo la dichiarazione rilasciata, questa mossa di allentamento quantitativo continuerà “fino a quando non saranno stati compiuti ulteriori progressi sostanziali verso gli obiettivi di massima occupazione e stabilità dei prezzi del Comitato”.

In particolare, le notizie sui bassi tassi di interesse hanno portato il dollaro USA a scendere ulteriormente. L’indice del dollaro è quotato al di sotto del livello psicologico di 90$ a 89,83$. Con i prezzi del petrolio greggio che hanno una relazione inversa con il dollaro, l’indebolimento del dollaro è una buona notizia per i rialzisti del mercato petrolifero.

Inoltre, le nuove prospettive economiche della banca centrale hanno offerto supporto ai prezzi del petrolio greggio. A settembre, l’istituzione ha stimato che l’economia statunitense sarebbe scesa del 3,7% nel 2020. Tuttavia, nella dichiarazione di ieri, ha corretto il calo al 2,4%. Inoltre, la Fed prevede che l’economia statunitense aumenterà del 4,2% nel prossimo anno rispetto alla sua precedente stima di una crescita del 3,2%.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro