I prezzi del rame salgono ancora per le maggiori speranze USA su uno stimolo

Scritto da: Faith Maina
Febbraio 9, 2021
  • I prezzi del rame sono aumentati per la terza sessione consecutiva, a circa $3,6930.
  • Il trend rialzista in vari mercati è dovuto alle crescenti speranze del pacchetto di stimolo USA.
  • Le esportazioni cilene di gennaio sono scese a $1,014 milioni, la bilancia commerciale è ai massimi dal 2012.

I prezzi del rame hanno esteso i suoi guadagni per la terza sessione consecutiva. Martedì, i future sul rame sono aumentati dello 0,74% a $3,6930. Questo è il suo livello di prezzo più alto da metà gennaio 2021. Una bilancia commerciale cilena rialzista e maggiori speranze del pacchetto di stimoli statunitensi hanno contribuito all’impennata.

Prezzi del rame

Speranze in aumento per il pacchetto di stimoli degli Stati Uniti

I prezzi del rame stanno reagendo al sentimento positivo innescato dalle speranze del pacchetto di stimolo statunitense. Venerdì, il Congresso ha votato a favore del piano di bilancio che il Senato aveva approvato all’inizio della giornata. Con i legislatori che approvano la proposta di stimolo, il pacchetto di aiuti da $1,9 trilioni del presidente Biden è ora in procinto di diventare legislazione. Il progresso del disegno di legge arriva nonostante la mancanza di sostegno da parte dei repubblicani.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Nancy Pelosi, presidente della Camera, ha dichiarato di essere ansiosa di far approvare il disegno di legge entro le prossime settimane. L’approvazione del pacchetto di aiuti arriva in un momento opportuno poiché gli aiuti alla disoccupazione scade a metà marzo.

Per i rialzisti che desiderano investire in commodities, questa è una buona notizia. Il pacchetto di aiuti è destinato a stimolare la ripresa dell’economia statunitense, che è al primo posto nel mondo. Inoltre, aumenterà la domanda di metalli industriali e commodities in generale. Con il metallo rosso che spesso riflette la stabilità dell’economia, le crescenti speranze di tornare alla situazione pre-pandemica hanno spinto al rialzo i prezzi del rame.

In effetti, il rame non è l’unica commodity che ha visto un aumento di prezzo. I prezzi del greggio sono aumentati quando i futures sul Brent hanno superato il livello psicologico dei prezzi di $60 arrivando a $60,68. Anche i future sul WTI sono aumentati dell’1,98% a $58,08.

Allo stesso modo, il Dow Jones Industrial Average è al massimo record di $31385,8. Anche l’S&P 500 viene scambiato al suo livello più alto a $3915,6. Sul fronte del metallo, i prezzi dell’alluminio sono aumentati dello 0,55% a $164,75 mentre i prezzi dell’argento sono aumentati dell’1,34% a $27,256.

Analisi dei prezzi

Dati cileni su esportazioni e importazioni

I prezzi del rame stanno ulteriormente reagendo ai dati di lunedì sulle esportazioni e importazioni cilene. Il Cile è il principale produttore di rame al mondo. Secondo la banca centrale del Paese, le esportazioni di rame sono state di $2,733 milioni a gennaio. Questo è stato un calo rispetto ai $3,747 milioni del mese precedente. A dicembre 2020, le cifre erano ai massimi di 3 anni.

Nel complesso, le esportazioni cilene sono scese dai precedenti $7,143 milioni a $3,268 milioni. Tuttavia, la bilancia commerciale si è rivelata rialzista per il peso cileno. A 1,74 miliardi, la lettura è superiore a 1,42 miliardi del mese precedente. Inoltre, è la cifra più alta da maggio 2012, un fattore che ha contribuito a spingere al rialzo i prezzi del rame.