Dow Jones, S&P 500 e Nasdaq ancora vicino ai massimi record; ecco i prossimi target

By: Stanko Iliev
Stanko Iliev
Stanko si dedica a fornire agli investitori informazioni rilevanti che possono utilizzare per prendere decisioni di investimento. Ama la… read more.
on Feb 22, 2021
  • Per la settimana, l'SPX è sceso dello 0,7%, il Dow Jones ha guadagnato lo 0,1% e il Nasdaq è sceso dell'1,6%.
  • I tre principali indici di Wall Street continuano a essere scambiati vicino ai massimi storici.
  • Bank of America ha avvertito che c'è un'esuberanza irrazionale a Wall Street.

L’S&P 500 e il Nasdaq si sono indeboliti la scorsa settimana, mentre il Dow Jones è cresciuto dello 0,1%. I tre principali indici di Wall Street continuano a essere scambiati vicino ai massimi storici e, tecnicamente, non c’è ancora alcun segno di correzione.

L’attuale mercato rialzista continua a salire verso nuovi record e durare senza fine, e i dati economici deludenti, come le richieste di sussidi di disoccupazione più deboli del previsto, continuano a essere ignorati. Alcuni analisti avvertono di una bolla “epica” tra i timori che il flusso di stimoli abbia creato un’estrema sopravvalutazione.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

La Bank of America ha annunciato che c’è esuberanza irrazionale a Wall Street e ha avvertito i suoi clienti che potrebbe avvenire una correzione. D’altro canto, alcuni investitori ritengono che la ripresa dalla pandemia potrebbe aggiungere ulteriore impulso ai mercati azionari.

L’aumento delle vaccinazioni aiuterà l’economia a riprendersi, ma molti analisti concordano sul fatto che tutte le aspettative positive sono già incluse nel prezzo di molte azioni. Qualcuno sostiene persino che le bolle azionarie sono gonfiate fino al punto di esplosione e la situazione attuale verrà registrata come una delle grandi bolle della storia finanziaria.

“I banchieri centrali sapevano che le loro politiche stavano alimentando una bolla del mercato azionario con l’effetto collaterale di alimentare la disuguaglianza tra gli azionisti già ricchi e coloro che non potevano prendere parte al boom azionario. La mia preoccupazione è che abbiano creato una massiccia bolla di asset e prezzi distorsione”. Questo è quanto affermato da Sven Henrich, fondatore degli analisti di mercato NorthmanTrader.

La Federal Reserve statunitense ritiene che i rischi di fallimento delle imprese “rimangano considerevoli” e ha annunciato che sosterrà l’economia finché la pandemia continuerà a pesare sul progresso economico. I dettagli di un possibile pacchetto da $1,9 trilioni sono ancora in fase di elaborazione e gli investitori sono in attesa di notizie relative a un pacchetto di stimolo negli Stati Uniti.

S&P 500 in calo del -0,7% su base settimanale

Per la settimana, l’S&P 500 500 (SPX) si è indebolito dello 0,7% e ha chiuso a 3.906 punti.

Fonte dei dati: tradingview.com

Finché il prezzo è al di sopra di questa linea di tendenza e 3.800 punti, l’indice S&P 500 rimane in un mercato rialzista e non vi è alcuna indicazione dell’inversione di tendenza. Se il prezzo supera i 4.000 punti, sarebbe un segnale di “acquisto” per l’S&P 500 e il prossimo obiettivo potrebbe essere intorno ai 4.100 punti.

DJIA in crescita dello 0,1% su base settimanale

Il Dow Jones Industrial Average (DJIA) è avanzato dello 0,1% per la settimana e ha chiuso a 31.494 punti.

Fonte dei dati: tradingview.com

Il Dow Jones continua a scambiare vicino ai massimi record, ma se il prezzo scende al di sotto di 31.000 punti, sarebbe un segnale di “vendita” deciso e il prossimo obiettivo potrebbe essere di circa 30.500 punti.

Nasdaq Composite in calo del -1,6% su base settimanale

Il Nasdaq Composite (COMP) ha perso l’1,6% su base settimanale e ha chiuso a 13.874 punti.

Fonte dei dati: tradingview.com

Se il prezzo salisse nuovamente sopra i 14.000 punti, sarebbe una conferma del trend rialzista, ma se il prezzo scendesse sotto i 13.000 punti, sarebbe un forte segnale di “vendita” con la strada aperta a 12.500 punti.

In sintesi

L’S&P 500 e il Nasdaq si sono indeboliti la scorsa settimana, mentre il Dow Jones è cresciuto dello 0,1%. I tre principali indici di Wall Street continuano a essere scambiati vicino ai massimi storici e, tecnicamente, non c’è ancora alcun segno di correzione. L’attuale mercato rialzista ha battuto i record essere durato così a lungo e la Bank of America ha avvertito che c’è un’esuberanza irrazionale a Wall Street.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro