La migliore banca sudcoreana intende offrire servizi ai crypto exchange locali

By: Jinia Shawdagor
Jinia Shawdagor
Jinia è un'appassionata di criptovalute e blockchain con sede in Svezia. Ama tutto ciò che è positivo, viaggiare ed trovare gioia… read more.
on Mar 27, 2021
  • La decisione della banca è avvenuta prima delle modifiche alla legge sull'informazione finanziaria specifica.
  • L'obiettivo della banca sono i crypto exchange di piccole e medie dimensioni senza account con nome reale.
  • La Corea del Sud ha esteso il tempo di segnalazione per i crypto exchange fino al 24 settembre 2021.

La BNK Busan Bank, una rinomata banca sudcoreana, sta pianificando di offrire servizi bancari ai crypto exchange locali. La banca ha svelato questa notizia attraverso un annuncio ufficiale il 23 marzo, osservando che aveva deciso di testare le acque nel settore crypto prima dell’implementazione delle modifiche allo Specific Financial Information Act il 25 marzo. Secondo quanto riferito, questi emendamenti daranno la possibilità a tutti gli exchange di criptovalute di emettere account con il nome reale.

Secondo l’annuncio, i dipartimenti di strategia digitale e prevenzione del riciclaggio di denaro della banca hanno visitato la NH Nonghyup Bank a Seoul il 24 marzo per scoprire il suo mandato generale di emettere conti con nome reale su scambi di valuta virtuale. Presumibilmente, NH Nonghyup Bank ha una partnership per transazioni di emissione di conti reali con due principali borse sudcoreane: Bithumb e Coinone.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Secondo la pubblicazione, BNK Busan Bank sta cercando di lavorare con grandi borse che hanno già conti con nomi reali. Tuttavia, il suo obiettivo principale sono gli scambi di piccole e medie dimensioni nel Paese, che non dispongono di account con nomi reali sicuri. Questi includono Copax, Gdak e Huobi Korea. Al momento, gli unici exchange per raggiungere questa impresa sono Bithumb, Coinone, Upbit attraverso un’alleanza con K-Bank e Kobit attraverso una collaborazione con Shinhan Bank.

Un periodo di grazia di sei mesi per mettere le cose in ordine

Mentre lo Special Money Act in precedenza si concentrava sui crypto exchange di grandi dimensioni, i suoi emendamenti impongono che anche i giocatori di piccole e medie dimensioni nel settore debbano ottenere conti bancari con nomi reali. Oltre a questo, dovranno riferire alle autorità governative competenti e assicurarsi che le loro operazioni siano legali. Per segnalare come operatore aziendale, gli exchange devono anche garantire un certificato del sistema di gestione della sicurezza delle informazioni (ISMS).

Per offrire a ogni attore del settore di mettere in ordine i propri affari, il governo sudcoreano ha prolungato il periodo di riferimento fino al 24 settembre. Ciò significa che i crypto exchange di piccole e medie dimensioni devono creare account con nome reale prima che questo tempo scada.

Commentando l’opportunità che questo emendamento crea, un dirigente di BNB Busan Bank ha detto:

Quando un nuovo mercato si apre con l’implementazione della legge rivista sugli interessi speciali, è solo un passo per esaminare se entrare o meno nel mercato. Potremo procedere seriamente con gli affari.

BNK Busan Bank ritiene che avventurarsi nel settore crypto sarebbe vantaggioso per la sua attività. La banca ha sottolineato che la partnership della K-Bank con Upbit ha visto i suoi depositi e il saldo di risparmio aumentare di oltre 1.283.171.339,6 sterline dopo il vertiginoso aumento di BTC a febbraio.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro