Azioni Oracle vicine a livelli record; ecco i prossimi target

By: Stanko Iliev
Stanko Iliev
Stanko è attivamente impegnato con il mondo dei mercati finanziari dal 2009. Con una laurea in Economia specializzata in analisi e… read more.
on Apr 9, 2021
  • Société Générale ha declassato Oracle nonostante i risultati del Q3 migliori del previsto.
  • Le azioni Oracle continuano a essere scambiate vicino a livelli record.
  • Se il prezzo supera la resistenza di $80, il prossimo target potrebbe essere intorno a $85.

Le azioni Oracle (NYSE: ORCL) continuano ad essere scambiate a livelli quasi da record e, con una capitalizzazione di mercato di $214 miliardi, questo titolo è ancora valutato in modo ragionevole. Oracle ha riportato risultati del Q3 migliori del previsto a marzo, ma Société Générale ha declassato le azioni di questa società da “buy” a “hold”.

Analisi fondamentale: Société Générale ha declassato Oracle nonostante i risultati del Q3 migliori del previsto

Oracle Corporation è una società multinazionale americana di tecnologia informatica che vende software, sistemi di ingegneria cloud e prodotti software aziendali. Oracle ha riportato i risultati del terzo trimestre il mese scorso: i ricavi totali sono aumentati del 3% su base annua a 10,09 miliardi di dollari, mentre il GAAP EPS del Q3 è stato di $1,68 (stima battuta di $0,82).

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

I ricavi totali sono aumentati al di sopra delle aspettative (+$20 milioni) ed è importante dire che il cash flow operativo è stato di 14,7 miliardi di dollari durante gli ultimi dodici mesi. La società ha dichiarato un dividendo azionario di $0,32/trimestre, che rappresenta un aumento del 33,3% rispetto al dividendo precedente.

“Come si può notare, abbiamo avuto un ottimo trimestre e una buona performance rispetto al nostro piano di crescita. I ricavi erano in linea con la nostra guida in USD, mentre l’EPS ha battuto il punto medio della guidance di $0,05”, ha affermato Safra Catz, amministratore delegato di Oracle.

Oracle continua a muoversi nella giusta direzione e la direzione dell’azienda ha autorizzato altri 20 miliardi di dollari per il riacquisto di azioni Oracle. Le entrate totali dovrebbero crescere nei prossimi trimestri e, con quasi 36 miliardi di dollari in contanti, il bilancio di questa società rimane stabile.

Nonostante ciò, Société Générale ha declassato Oracle da “buy” a “hold” e ha riferito che la valutazione è ora “al passo con i fondamentali”.

“Anche se restiamo colpiti dalla forte trazione di Oracle nel cloud ERP (crescita media del 30% negli ultimi due anni) e nelle operazioni di database autonomo, il ritmo di crescita in entrambe le attività ha continuato a rallentare negli ultimi trimestri, sebbene con una base di ricavi in espansione”, ha evidenziato Richard Nguyen, analista di Société Générale.

Analisi tecnica: le azioni Oracle rimangono in zona di acquisto

Le azioni Oracle sono aumentate di oltre il 14% dall’inizio del 2021 e, al prezzo attuale delle azioni, questa società ha un valore ragionevole.

Fonte dei dati: tradingview.com

I livelli di supporto importanti sono $70 e $60, mentre invece $80 e $85, rappresentano gli attuali livelli di resistenza. Se il prezzo supera la resistenza di $80, sarebbe un segnale per comprare azioni e il prossimo obiettivo potrebbe essere di circa $85.

L’aumento sopra $85 supporta la continuazione del trend rialzista per le azioni Oracle, ma se il prezzo scende al di sotto di $60, sarebbe un forte segnale di “vendita”.

In sintesi

Le azioni Oracle continuano ad essere scambiati a livelli quasi record e con una capitalizzazione di mercato di 214 miliardi di dollari, questo titolo è ancora valutato in modo ragionevole. Questa azienda continua a muoversi nella giusta direzione, ma Société Générale ha declassato Oracle il mese scorso nonostante i risultati del terzo trimestre migliori del previsto.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro