Google Cloud integra gli oracoli di Band Protocol per prezzi crypto accurati

Scritto da: Jinia Shawdagor
Aprile 17, 2021
  • Secondo quanto riferito, questa è la prima di molte partnership tra Google Cloud e Band.
  • Google Cloud mira a unire oracoli con Machine Learning per ottenere dati sui prezzi crypto in tempo reale.
  • Band Protocol consentirà agli sviluppatori di utilizzare oracoli decentralizzati per qualsiasi tipo di dati.

Google Cloud si è unito a Band Protocol per integrare i suoi oracoli su Google BigQuery, un data warehouse aziendale che alimenta rapide query SQL. Band Protocol ha svelato questa notizia tramite un post sul blog lo scorso 15 aprile, sottolineando che questa integrazione aiuterà a fornire analisi istantanee e accurate dei dati delle serie temporali finanziarie. Secondo quanto riferito, questa è la prima di molte partnership dirette che cercano di consentire agli sviluppatori di creare blockchain ibride tradizionali e applicazioni cloud tramite oracoli decentralizzati.

Secondo il post del blog, sia i team di Band Protocol che di Google Cloud si stanno adoperando per aiutare gli sviluppatori a sfruttare oracoli decentralizzati per tutte le origini e i tipi di dati esterni. Presumibilmente, gli oracoli di Band Protocol hanno un design flessibile che consentirà agli sviluppatori di ottenere i dati senza interruzioni indipendentemente dal fatto che le applicazioni con cui lavorano siano basate su blockchain o Web 2.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Il post ha continuato spiegando i ruoli di ciascun team, sottolineando che Google Cloud sfrutterà il Machine Learning per ottenere analisi dai dati delle serie temporali finanziarie in tempo reale. Oltre a questo, il team di Google Cloud fornirà un modello Keras, che implementa una rete neurale LSTM per rilevare anomalie nel feed dei prezzi. D’altra parte, Band Protocol fornirà i dati finanziari direttamente dal suo set di dati pubblico tramite Google BigQuery.

L’impegno di lasciare un segno nell’industria degli oracoli

Presumibilmente, i dati ottenuti dal codificatore-decodificatore automatico possono agire come un set di dati autonomo. Gli sviluppatori possono quindi utilizzare questo set di dati per supportare lo sviluppo di nuovi oracoli decentralizzati tramite script Oracle personalizzati di BandChain. A sua volta, ciò contribuirebbe ad aumentare le funzionalità e le offerte fornite da Band Protocol.

Questo sistema garantirebbe anche smart contract on-chain che vengono eseguiti su qualsiasi accesso blockchain supportato da Band Oracles a reti neurali pre-addestrate e sistemi di rilevamento delle anomalie. In questo modo, gli smart contract sarebbero in grado di completare la logica aziendale multiforme in modo affidabile senza dover dipendere dai dati di ulteriori parti esterne.

Commentando questa partnership, Kevin Lu, Head of Business Development di Band, ha dichiarato:

Con gli oracoli Band Protocol completamente integrati in Google BigQuery, questo è il primo di molti casi d’uso che stiamo esplorando con i partner per collegare le imprese tradizionali e le applicazioni blockchain. Il nostro obiettivo è espandere continuamente e rapidamente il supporto dei dati disponibili su BandChain, spingendo i casi d’uso ben oltre il Web 3 insieme a molte aziende.

Questa notizia arriva dopo che Band è stato lanciato nel 2019 come token ERC-20. Tuttavia, il protocollo è passato alla chain Cosmos nel giugno dello scorso anno e da allora è diventato uno dei maggiori concorrenti di Chainlink, il principale fornitore di servizi Oracle.