Morgan Stanley fatica a resistere a $80 dopo i risultati del Q1 migliori del previsto

Scritto da: Stanko Iliev
Aprile 18, 2021
  • Morgan Stanley ha riportato risultati Q1 migliori del previsto la scorsa settimana.
  • I ricavi totali sono aumentati del 60,7% a/a a $15,72 miliardi.
  • Morgan Stanley ha riacquistato $2,1 miliardi di azioni ordinarie durante il Q1 del 2021.

Morgan Stanley (NYSE: MS) ha riportato i risultati del primo trimestre la scorsa settimana; i ricavi totali sono aumentati del 60,7% e il Consiglio di amministrazione ha dichiarato un dividendo azionario di 0,35 dollari/trimestrale, in linea con il precedente. Nonostante i risultati degli utili migliori del previsto, le azioni di questa banca vengono ancora scambiate al di sotto della resistenza di 80 dollari.

Analisi fondamentale: Morgan Stanley ha riportato risultati del Q1 migliori del previsto la scorsa settimana

Morgan Stanley ha riportato venerdì i risultati del primo trimestre del 2021; i ricavi totali sono aumentati del 60,7% a/a a 15,72 miliardi di dollari, mentre l’utile per azione GAAP del primo trimestre è stato di 2,19 dollari (battuto di 0,48 dollari). Il fatturato totale è aumentato al di sopra delle aspettative (+ 1,53 miliardi di dollari) e il rapporto di efficienza del trimestre è stato del 66%.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

“Il primo trimestre del 2021 è stato un record significativo per l’azienda e per molte delle nostre attività. È stato caratterizzato da alcuni massimi veramente straordinari, numerosi record di prestazioni, la chiusura dell’accordo Eaton Vance, la nostra seconda transazione strategica nell’ultimo anno, e un evento molto complesso relativo al crollo dell’hedge fund, Archegos,” ha affermato James Gorman, Presidente e CEO di Morgan Stanley.

I ricavi della gestione patrimoniale di 5,96 miliardi di dollari sono aumentati del 47% a/a, mentre i ricavi netti del segmento della gestione degli investimenti sono aumentati del 90% a/a a 1,31 miliardi di dollari. Morgan Stanley continua ad aggiungere nuovi clienti a un ritmo record e il Consiglio di amministrazione ha dichiarato un dividendo trimestrale di 0,35 dollari per azione.

Questa banca ha dimostrato la sua stabilità durante la pandemia di Covid-19 e i risultati degli utili del primo trimestre hanno mostrato che Morgan Stanley si sta muovendo nella giusta direzione. Nonostante ciò, venerdì le azioni Morgan Stanley si sono indebolite dopo che Bloomberg ha riferito che la banca ha registrato una perdita di 911 milioni di dollari legata al crollo di Archegos Capital.

Il suo programma di riacquisto di azioni riprenderà nel 2021 ed è importante ricordare che Morgan Stanley ha riacquistato 2,1 miliardi di dollari di azioni ordinarie durante il primo trimestre del 2021. Il profitto dovrebbe crescere nei prossimi trimestri e se stai cercando un reddito da dividendi solido e buono potenziale di rendimento totale, le azioni di questa banca non sono una cattiva scelta.

Analisi tecnica: $70 rappresenta un forte livello di supporto

Le azioni Morgan Stanley si sono mosse in un trend rialzista negli ultimi mesi e per ora non ci sono segnali di inversione di tendenza. Nonostante i risultati degli utili migliori del previsto, le azioni di questa banca vengono ancora scambiate al di sotto della resistenza di 80 dollari.

Fonte dati: tradingview.com

I livelli di supporto critici sono 70 e 60 dollari; 80, 85 e 90 dollari rappresentano gli attuali livelli di resistenza. Il titolo Morgan Stanley rimane in una zona di acquisto, ma se il prezzo scende al di sotto del livello di supporto di 70 dollari, sarebbe un segnale di “vendita” deciso, e abbiamo la strada aperta al supporto di 60 dollari.

In sintesi

Morgan Stanley ha riportato risultati del primo trimestre migliori del previsto la scorsa settimana e, secondo l’analisi tecnica, le azioni di questa banca rimangono in una zona di acquisto. Il primo trimestre del 2021 è stato un record significativo per la banca e le entrate totali sono aumentate del 60,7% a/a a 15,72 miliardi di dollari.