Dow Jones, S&P 500 e Nasdaq in un mercato rialzista nonostante i timori fiscali

By: Stanko Iliev
Stanko Iliev
Stanko si dedica a fornire agli investitori informazioni rilevanti che possono utilizzare per prendere decisioni di investimento. Ama la… read more.
on Apr 26, 2021
  • Per la settimana, il Dow Jones è sceso del -0,46%, l'S&P 500 -0,13% e il Nasdaq -0,25%.
  • Dow Jones, S&P 500 e Nasdaq rimangono in un mercato rialzista.
  • Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden sta pianificando un aumento delle tasse fino al 39,6%.

Venerdì i tre indici principali di Wall Street hanno chiuso al rialzo, poiché le società hanno continuato a registrare ottimi utili nel primo trimestre. Nonostante ciò, il Dow Jones, l’S&P 500 e il Nasdaq si sono indeboliti su base settimanale poiché gli investitori rimangono in allerta dopo le notizie sulla tassa sulle plusvalenze.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden sta pianificando un aumento delle tasse fino al 39,6% su coloro con un reddito superiore a 1 milione di dollari, che potrebbe influire negativamente sul mercato azionario.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

“C’è anche incertezza su ciò che alla fine approverà il Congresso: alcuni democratici, per non parlare della maggior parte dei repubblicani, probabilmente si opporranno all’aumento proposto. C’è incertezza su quando la tassa potrebbe entrare in vigore, ma l’aliquota salirà probabilmente a 28% invece del 39,6% proposto”, ha riferito Goldman Sachs.

D’altra parte, la battaglia globale contro il coronavirus continua e la Federal Reserve probabilmente manterrà i tassi di interesse invariati nel 2021. L’economia statunitense continua a riprendersi dalla pandemia più velocemente di molti altri paesi e il Paese ha pubblicato dati migliori del previsto la settimana scorsa.

Gli Stati Uniti hanno riportato le stime preliminari dei PMI di aprile ed è importante dire che l’indice manifatturiero ha toccato 60,6 mentre l’indice dei servizi ha toccato 60,4. I responsabili politici statunitensi hanno affermato che si concentreranno per garantire che il mercato del lavoro si riprenda completamente nonostante le preoccupazioni sull’inflazione.

Dow Jones, S&P 500 e Nasdaq rimangono in un mercato rialzista. Tuttavia, il potenziale di rialzo dei tre principali indici di Wall Street rimane limitato per ora.

S&P 500 in calo del -0,13% su base settimanale

Per la settimana, l’S&P 500 (SPX) si è indebolito del -0,13% e ha chiuso a 4.180 punti. Questo è il primo calo settimanale dell’S&P 500 dalla settimana terminata il 19 marzo, ma per ora non vi è alcun rischio di inversione di tendenza positiva.

Fonte dei dati: tradingview.com

Se il prezzo scende al di sotto di 4.000 punti, sarebbe un forte segnale di “vendita” e abbiamo la strada aperta a 3.900 o addirittura 3.800 punti.

DJIA in calo del -0,46% su base settimanale

Il Dow Jones Industrial Average (DJIA) si è indebolito del -0,46% per la settimana e ha chiuso a 34.043 punti.

Fonte dei dati: tradingview.com

Se il prezzo supera i 34.500 punti, sarebbe una conferma rialzista per il Dow Jones Industrial Average (DJIA). D’altra parte, se il prezzo scende al di sotto di 33.000 punti, sarebbe un segnale di “vendita” fermo e il prossimo obiettivo potrebbe essere di circa 32.000 punti.

Nasdaq Composite in calo del -0,25% su base settimanale

Il Nasdaq Composite (COMP) ha perso -0,25% su base settimanale e ha chiuso a 14.016 punti.

Fonte dei dati: tradingview.com

Questo indice continua a essere scambiato sopra i 14.000 punti, ma se il prezzo scende al di sotto di 13.500 punti, sarebbe un forte segnale di “vendita” e il prossimo obiettivo potrebbe essere di 13.000 punti.

In sintesi

Venerdì il mercato azionario statunitense ha chiuso in rialzo poiché gli investitori hanno raccolto dati economici solidi e gli utili delle società come segnali di slancio nella ripresa della pandemia negli Stati Uniti. Nonostante ciò, il Dow Jones, l’S&P 500 e il Nasdaq si sono indeboliti su base settimanale poiché gli investitori rimangono in allerta dopo le notizie sulla tassa sulle plusvalenze.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro