Buterin e Balaji Srinivasan donano al fondo di soccorso indiano COVID-19

By: Jinia Shawdagor
Jinia Shawdagor
Jinia è un'appassionata di criptovalute e blockchain con sede in Svezia. Ama tutto ciò che è positivo, viaggiare ed… read more.
on Apr 27, 2021
  • Vitalik Buterin ha contribuito con 100 ETH e 100 MKR, per un valore di oltre £432.000.
  • Balaji Srinivasan ha donato £36.010 in ETH con la promessa di distribuire ulteriori £71.980.
  • I sostenitori possono donare tramite token ERC-20, ETH, BTC, TRX e DOGE.

Il co-fondatore di Ethereum, Vitalik Buterin e Balaji Srinivasan, ex CTO di Coinbase e socio del consiglio di Andreessen Horowitz, hanno contribuito al fondo di soccorso indiano COVID-19 dopo che una seconda ondata di pandemia ha colpito il Paese. Sandeep Nailwal, un fondatore di tecnologia indiana dietro la rete Polygon, ha creato il fondo chiedendo alla comunità crypto globale di aiutare l’India.

Ha fornito un indirizzo multisig Gnosis Safe a chiunque possa dare il proprio contributo in token ERC-20 o ETH. Nailwal ha quindi esortato i sostenitori a contattarlo se avessero bisogno di ulteriori informazioni o aiuto, specialmente in caso di dichiarazioni normative.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

A seguito dei tweet di Nailwal, Srinivasan ha donato £36.010 in ETH e ha invitato altri importanti attori del settore a fare lo stesso. In risposta, Buterin ha trasferito 100 ETH e 100 MKR all’indirizzo. La sua donazione valeva più di £432.100.

Combattere COVID-19 con le criptovalute

Dopo il generoso contributo di Buterin, Srinivasan ha promesso che avrebbe contribuito fino a $71.980 in più in lotti di £36 per ogni retweet del suo appello affinché le persone si unissero e sostenessero l’India. Ringraziando Srinivasan per i suoi sforzi incessanti in questa campagna, Nailwal ha detto che stava cercando di espandere la portata del fondo per includere altre criptovalute. Ha quindi fornito indirizzi aggiuntivi per gli appassionati crypto per far sì che possano contribuire tramite Bitcoin (BTC), Dogecoin (DOGE) e Tron (TRX).

Tuttavia, nella guerra ben orchestrata di Nailwal contro il COVID-19 c’è un significativo punto dolente. Il governo indiano sta pianificando di introdurre regolamenti che vieteranno le criptovalute private. Di conseguenza, non è chiaro se il governo accetterà o meno i contributi, nonostante gli eventi sul campo.

L’India ha registrato ieri 349.691 nuovi casi di COVID-19. Secondo quanto riferito, questo è il numero più alto di nuovi casi che un singolo Paese abbia registrato finora. La nazione, ieri ha riportato 2.767 morti, il totale più alto che un Paese abbia registrato dall’inizio della pandemia.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro