Virgin Money torna in utile nell’H1 a causa del calo degli oneri di svalutazione

By: Wajeeh Khan
Wajeeh Khan
Wajeeh è un seguace attivo degli affari mondiali, della tecnologia, un avido lettore e ama giocare a ping pong nel suo… read more.
on Mag 5, 2021
  • Virgin Money torna in utile nell'H1 a causa del calo degli oneri di svalutazione.
  • L'azienda britannica è cautamente ottimista sulla sua performance futura.
  • Il CFO afferma che la spesa dei consumatori si sta avvicinando ai livelli pre-pandemia.

Virgin Money UK plc (LON: VMUK) ha dichiarato mercoledì di essere tornata a un utile al lordo delle imposte nel primo semestre fiscale poiché le spese di svalutazione sono diminuite drasticamente. La società ha anche sottolineato di essere cautamente ottimista riguardo alle sue prestazioni future.

Oggi, le azioni di Virgin Money UK sono scivolate di circa il 2% nel trading pre-mercato e hanno perso un altro 5% all’apertura del mercato. Il titolo è attualmente scambiato a 193 pence per azione rispetto ai molto più bassi 131 pence per azione all’inizio dell’anno.

Il profitto sottostante di Virgin Money aumenta di oltre il 100%

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Virgin Money ha registrato 72 milioni di sterline di utile ante imposte per i sei mesi che hanno concluso il 31 marzo. Nello stesso periodo dell’anno scorso, aveva invece registrato una perdita di 7 milioni di sterline. Le esposizioni creditizie relative a perdite di valore nel primo semestre si sono attestate a 38 milioni di sterline rispetto alla cifra di un anno fa di 232 milioni di sterline significativamente più alta.

A 245 milioni di sterline, l’utile sottostante nel primo semestre ha registrato una crescita di oltre il 100% nel primo semestre. Virgin Money ha registrato 695 milioni di sterline di reddito operativo totale per il periodo di sei mesi. In confronto, il suo reddito operativo totale nella prima metà del 2020 è stato di 767 milioni di sterline. L’azienda britannica aveva registrato 168 milioni di sterline di perdita ante imposte per l’intero anno per l’anno fiscale 2020.

Secondo Virgin Money, il reddito netto da interessi è sceso del 3,7% nell’ultimo periodo. All’1,56%, il margine di interesse netto, secondo la società con sede a Leeds, ha visto un calo di sei punti base nel primo semestre.

La holding ha registrato il suo rapporto CET 1 (Common Equity Tier 1) al 13,4% rispetto al 30 settembre. Alla fine del primo semestre, ha aggiunto, il suo coefficiente CET 1 era invece del 14,4%. Virgin Money prevede che il suo margine di interesse netto rimarrà intorno all’1,60% quest’anno. I rendimenti statutari sull’equità tangibile, secondo la società quotata a Londra, sono previsti a due cifre nel medio termine.

Osservazioni del CFO Clifford Abrahams a “Squawk Box” della CNBC

Commentando l’aggiornamento finanziario a “Squawk Box” della CNBC, il CFO di Virgin Money Clifford Abrahams ha dichiarato:

“Stiamo crescendo dal lato dei depositi, dal lato dei conti correnti. Più recentemente, stiamo assistendo a una vera ripresa della spesa dei consumatori. Nell’ultima settimana di aprile, la spesa per le nostre carte di credito con un grande emittente di carte di credito è aumentata del 25% su base settimanale. E stiamo assistendo a una spesa complessiva dei consumatori che si sta avvicinando ai livelli appena prima della pandemia, rappresentando una ripresa piuttosto forte”.

Al momento, Virgin Money UK ha un valore di 2,74 miliardi di sterline.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro