CEO di Colonial Pipeline sul cedere alla richiesta di riscatto: “Cosa giusta da fare”

Di:
su May 20, 2021
Listen
  • Colonial Pipeline ha pagato 4,4 milioni di dollari in riscatto.
  • Il CEO dice che era la cosa giusta da fare.
  • La rete di gasdotti dell'azienda fornisce quasi il 45% del carburante della costa orientale.

Segui Invezz su TelegramTwitter e Google Notizie per restare aggiornato >

Joseph Blunt, CEO di Colonial Pipeline Co., ha dichiarato al Wall Street Journal che la società aveva scoperto l’hack per la prima volta intorno alle 5:30 del mattino del 7 maggio e ha già deciso quella notte di pagare il riscatto di 4,4 milioni di dollari.

Stai cercando segnali e avvisi da parte di trader professionisti? Iscriviti a Invezz Signals™ GRATIS. Richiede 2 minuti.

Cosa ha influito sulla decisione di pagare?

Copy link to section

Colonial Pipeline è il più grande operatore di oleodotti negli Stati Uniti e fornisce quasi il 45% del carburante della costa orientale. L’azienda raggiunge circa 50 milioni di americani in 14 stati e fornisce anche rifornimenti di carburante ad alcuni dei principali aeroporti, basi aeree e all’esercito.

Quindi la rete di gasdotti delle aziende è una parte fondamentale dell’infrastruttura energetica degli Stati Uniti con il potenziale di paralizzare una parte dell’economia a causa di fermi macchina prolungati.

Riguardo la decisione dell’azienda di pagare l’importo del riscatto, il CEO ha dichiarato:

“So che è una decisione molto controversa. Non l’ho presa alla leggera. Devo ammettere che non mi sentivo a mio agio nel vedere i soldi uscire dalla porta per gente del genere. Ma era la cosa giusta da fare per il Paese”.

I principali gasdotti della società sono stati chiusi per 6 giorni, il che ha portato i prezzi del gas a salire ai livelli più alti dal 2014 e hanno lasciato migliaia di stazioni di servizio in molti stati senza carburante.

Costi per l’azienda

Copy link to section

Oltre a pagare i 4,4 milioni di dollari, l’attacco costerà a Colonial decine di milioni di dollari in più per ripristinare alcuni dei sistemi aziendali aggiungendo che “non è ancora in grado di fatturare ai clienti a seguito di un’interruzione di quel sistema”.

Un altro costo è stata la perdita dell’anonimato dell’azienda. Ha ampliato dicendo:

“Eravamo perfettamente felici di non sapere chi fosse Colonial Pipeline, e sfortunatamente non è più così. Tutti nel mondo lo sanno. “

Commodities